Non voglio entrare a medicina al primo colpo, ma bensì al secondo! Consigli

5 Mesi 2 Settimane fa #315467 da Hibino

  • Utente
  • Utente

  • Karma: -1
  • Ringraziamenti ricevuti:

  • Sesso: Sconosciuto
  • Data di nascita: Sconosciuto
  • Salve a tutti,
    come avete potuto leggere nel titolo e che potrebbe risultarvi molto anomalo è il fatto che io non voglia entrare a Medicina al primo colpo, anzi non vorrei passare il test. Il tutto ha una ragione molto importante e di natura psicologica perché nell'ultimo hanno che ho trascorso ho passato un periodo molto duro sia da un punto di vista familiare che nelle relazioni con alcune persone a me care e so in cuor mio, anche se sono stata aiutata da alcuni terapeuti, di non essermi del tutto ripresa.

    Per quanto riguarda il test invece, so che avrei ottime probabilità di entrare, per dirvi che ho già fatti un bello schedario di come studiare e se solo riuscissi a seguirlo sono certa che entrerei ma c'è una cosa che mi rende incapace di aprire quei libri ed è qualcosa che ha a che vedere con la mia interiorità e non con il mio voler/saper studiare infatti a scuola vado parecchio bene, tanto che sono uscita con 100/100 dallo Scientifico e non ho mai avuto bisogno di ripetizioni ed aiuti e non lo dico assolutamente con l'intento di voler gonfiare il mio ego ma per farvi capire che mi trovo in una posizione delicata.

    Dopo giorni di riflessione sono quindi giusta alla conclusione di non voler passare il test perché non sono in grado, in questo periodo, di poter neanche aprire un libro.
    Se vi chiedete che senso ha fare il test a questo punto è semplice: i miei genitori sono all'oscuro di questa mi decisione e quindi farà finta di fare il test cioè lo faro senza passarlo.

    Il piano che ho quindi ideato consiste invece nel tentare il test di Biotecnologie in modo tale da fare una facoltà che abbia esami in comune a medicina (che l'anno successivo se entrerò mi verranno convalidati visto che rimarrò nelle stessa università cui ho fatto biotecnologie) e utilizzare l'articolo n 6 per fare due esami extra di medicina. Se proprio non riesco a riprendermi e questo mio stato mi impedisce fino a Settembre di studiare ho deciso di entrare a Scienze Farmaceutiche Applicate che è a numero aperto e utilizzare comunque l'articolo n 6.

    So che tutto questo piano è contorno ma vi assicuro che l'anno che ho passato mi completamente prosciugata e che non ho assolutamente lo spirito di studiare né per il test ma sopratutto di studiare dopo e infatti mi sono dette tra me e me: che senso ha uccidersi questa estate (dovendo recuperare quasi interamente i programmi di biologia e chimica che da noi sono stati fatti malissimo) se poi già a Ottobre mi sentirò fiacca e non sarà in grado di tenere il ritmo serrato che la facoltà di medicina richiede dal principio per poi ritrovarmi per motivi unicamente emotivi a non dare esami etc.? Non è meglio ritrovare in questo anno la calma interiore, fare una facoltà che mi posso permettere di studiare le materie che ritroverò poi nel test e intanto capire come è strutturata e funziona l'università? Infatti a mio parere se entrassi a Medicina al primo colpo, vista la mia condizione emotiva così fragile, oltre all'agitazione dei primi esami, delle lezione, dell'ambiente nuovi ci sarebbe il putiferio del fatto che l'Università è totalmente diversa dal mondo liceale.

    Quindi mi rivolgo a voi, quali altri consigli mi dareste? Il piano che ho ideato funzionerà?

    Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

    Moderatori: Cyanidevitale
    Tempo creazione pagina: 0.506 secondi