Giannini:potremmo abolire il test di medicina

Di più
6 Anni 8 Mesi fa #302027 da Akim.94
Concordo con "Gastrocnemio" sul fatto che il ministro voglia placare gli animi dopo le varie polemiche (test anticipato, domande "ambigue", caso Bari ecc...) e propinarci questa storiella anche in vista delle europee (2 piccioni con una fava insomma) :whistle:

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
6 Anni 8 Mesi fa #302028 da menni95
Questo fa capire quanto sarebbe meritocratica la cosa

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
6 Anni 8 Mesi fa #302029 da Gastrocnemio
Le raccomandazioni ci sono sempre state, ci sono, e ci saranno in qualsiasi ambito ma, se qualcuno è in grado, in un modo o nell'altro riuscirà nei propri progetti - magari dopo un po'- , ed una selezione durante gli anni universitari è lo sbarramento più logico e corretto che ci possa essere. Pregiudicare fin da subito l'ingresso con 60 domande (tra l'altro spesso ambigue) oppure testare sul campo l'attitudine di uno studente, tra le due credo sia decisamente più corretta la seconda impostazione.

Il dubbio cresce con la conoscenza.
(Goethe - Sprüche in Prosa, 1819)

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
6 Anni 8 Mesi fa #302030 da Ciuri
:blink: Si sta scatenando la solita bolgia nei vari social ma il Ministro ha solo fatto una dichiarazione molto fumosa,non è un ddl nè una proposta concreta


Il metodo francese non è così meritocratico come ce lo vorrebbero vendere. Conosco due ragazzi francesi entrambi bocciati. Personalmente so che erano persone molto studiose ( uno ha dovuto rinunciare allo studio del pianoforte per fare tutti gli esami)
Purtroppo però non hanno superato il test
Perché il test c'è eccome! Solo che è posticipato XD

Inoltre la Ministra Giannini è candidata ( come ha detto giustamente Careggi è di Scelta Civica... la barca di Profumo, parte di UDC e alcuni residui del governo tecnico Monti per intenderci)

qualora dovesse vincere queste europee molto probabilmente si dimetterà dalla sua carica XD
Quindi è tutta una rigirata :D

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
6 Anni 8 Mesi fa #302031 da menni95
L'attitudine di uno studente di può testare anche prima dell'accesso alla facoltà. Spesso inoltre c'è una corrispondenza biunivoca fra chi passa il test con un buon punteggio e chi si laurea in tempo e con buoni voti. Credo che il test d'ingresso sia la migliore soluzione. Sicuramente va rivisto perchè così non è completamente accettabile, ma penso che l'impronta generale debba essere quella. Dopotutto, chi entra per un colpo di culo molla dopo poco. Chi è veramente bravo riesce ad entrare(non al primo colpo? beh al secondo sì, se è sufficientemente preparato)
E poi la graduatoria nazionale permette maggiore meritocrazia: persone al nord che non sono sufficientemente meritevoli per entrare in una università vicino a casa, possono comunque entrare al Sud se hanno fatto un punteggio discreto(prima vi era una totale disomogeneità di punteggio).
Installare questo sistema vorrebbe dire ripristinare questa disomogeneità(vuoi forse dirmi che le università sono tutte ugualmente difficili? non credo proprio).
Per non parlare dei costi. Ammesso e non concesso che il tuo metodo possieda più meritocrazia del metodo precedente, farebbe diminuire drasticamente la qualità delle università. In aule dove ci sono n persone ce ne dovranno stare circa 6n! Capisco la Giannini che voglia fare campagna elettorale, ma non capisco gli altri che difendono questo sistema.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
6 Anni 8 Mesi fa #302032 da Gastrocnemio
Come fai a testare in modo "meritocratico" l'attitudine di uno studente ad accedere ad una determinata facoltà ancor prima dell'accesso? A questo punto, se proprio dovessimo valorizzare il merito, come unica altra soluzione si dovrebbe far accedere a medicina solo dopo aver conseguito un'altra laurea scientifica! Per come la vedo questo potrebbe essere l'unico sistema che può fregiarsi dell'appellativo di meritocratico, cosa che - purtroppo- non vale per i test attuali.

Il dubbio cresce con la conoscenza.
(Goethe - Sprüche in Prosa, 1819)

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • °Shi°
  • Visitatori
  • Visitatori
6 Anni 8 Mesi fa #302033 da °Shi°
Risposta da °Shi° al topic Giannini:potremmo abolire il test di medicina
Per me la soluzione migliore resterebbe sempre e comunque quella di far accedere a medicina dopo una laurea in ambito scientifico. Anche perché ora come ora le lauree come biologia e biotecnologie (e magari altre, io "conosco" un po' meglio solo queste) sono, allo stato attuale dei fatti, "allo sbaraglio". Molto belle ma quando esci puoi fare tutto e niente. La preparazione e le materie affrontate sono troppo diverse da università a università, ma poi una volta fuori sono tutti biologi e biotecnologi (che poi i biotecnologi si iscrivono all'albo dei biologi, va beh. Io già che ci siamo abolirei anche gli ordini professionali, ma questa è storia a parte :dry: ). La maggior parte delle persone che prendono queste lauree fanno ricerca all'estero, o poi prendono altre lauree dopo.
Secondo il mio modesto parere danno una preparazione "di base" che servirebbe per affrontare, poi, il corso di laurea in medicina. Magari si potrebbero "scorciare" un po' eliminando materie meno "di base". Dopodiché io farei una suddivisione: chi vuole fare il medico frequenterebbe la facoltà di medicina, mentre chi vuole fare esclusivamente ricerca, anche in campi affini alla medicina, intraprenderebbe un'altra strada. Magari si potrebbe anche permettere, dopo la laurea "base", di intraprendere le professioni sanitarie con un percorso, ovviamente, più breve rispetto a quello di medicina, boh, ovviamente le sto buttando un po' (parecchio) così. E, naturalmente, contestualmente a questo, dovrebbe essere rivisto il baraccone universitario per la ricerca. Pura utopia

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
6 Anni 8 Mesi fa - 6 Anni 8 Mesi fa #302037 da MattiaS
Data l'importanza delle "testate giornalistiche" credo che qualche fondamento di verità ci sia. Poi il discorso da fare sarebbe ben più lungo: è corretto un metodo alla francese? Sì, in Francia. E' sostenibile il test d'ammissione in Italia? No. Possiamo adatte il modello francese in Italia? No, ma possiamo prenderlo come spunto per modifiche strutturali coerenti con il nostro sistema. Il test d'ammissione va sostituito con soluzioni più efficienti. Ci si può basare sul modello francese, lo si può modificare, plasmare su misura per il nostro sistema universitario, ma trovo anch'io poco "sensato" prelevare un modello che non ci appartiene e sfruttarlo e, soprattutto come ha detto Careggi, per mera campagna elettorale. (Sembrerà poco, ma se 60k svolgono il test e 50k restano fuori, 50.000 voti hanno un peso e non da poco... forse solo ora se ne sono accorti?).

Penso per esempio ad una sorta di biennio/triennio comune, molte (quasi tutte) le facoltà scientifiche con indirizzo sanitario (biotecnologie, prof. sanitarie, medicina, veterinaria) e quelle più generali (s. biologiche) hanno un "plot" abbastanza comune: solitamente al primo anno vengono svolte materie come Chimica inorganica ed organica, biologia, fisica, matematica, etc...
Ciò significherebbe avere una base di partenza comune e poi lasciar medicina, prof. sanitarie e altri indirizzi come possibili "specializzazioni". E soprattutto sarebbe un risparmio economico per esempio nell'affitto di apposite strutture.
Occhio che la mia è solo un'idea come tante, non vorrei accendere "flames" inutili. Tuttavia ribadisco quanto ho sempre sostenuto: il nostro metodo è sbagliato e va modificato alla radice (il rifare il test non era una soluzione),bisognerebbe trovare una soluzione che dia una vera possibilità a tutti, ma senza commettere errori cumulativi. Penso che il problema più grosso di tutti sia il fatto che nel corso degli anni si sia creato questo "collo di bottiglia" e condivido il fatto che le strutture attualmente presenti non possano accogliere l'enormità di domanda.

Condivido pienamente quanto anche aveva proposto (e penso sia stato riproposto) DrHp l'idea di una laurea triennale come "must" per l'accesso a medicina.

PS. DrHp o sei dotato del dono della preveggenza oppure il pesce d'Aprile che volevi tirare è davvero arrivato a qualcuno :P
Ultima Modifica 6 Anni 8 Mesi fa da MattiaS.
Ringraziano per il messaggio: Gastrocnemio, Akim.94

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
6 Anni 8 Mesi fa #302044 da menni95
ilvasodipandora.blogautore.espresso.repu...29/stefania-crudele/
Leggetelo!Credo che sia un'ottima riflessione! Anche se molti non la condivideranno ;)

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
6 Anni 8 Mesi fa #302046 da Careggi

DrHP ha scritto:

I commenti sono da "campagna elettorale" e porteranno a un nulla di fatto

Vorrei avere le tue certezze, Careggi.
Questi sono dilettanti allo sbaraglio e l'unica cosa che interessa loro è accaparrarsi voti, se c'è un movimento "NOqualcosa" ci si fiondano sopra.
Io credo che ci sia la concreta possibilità che il pesce d'aprile diventi una terribile realtà.


La certezza non esiste, ma avendo visto il funzionamento del presente governo il mio parere è che:


PREVISIONE 1

1)La Giannini ha sondato il "terereno" e senza dubbio troverà l'UDU (che è a letto con i sindacati) sulla sua sponda. E' innegabile che il numero di coloro che vuole abolire il numero chiuso supera coloro che lo difendono (la maggior parte di questi sono dià entrati o stanno entrando)

2) NULLA accadrà prima delle elezioni, ma l'onda del tsunami "aboliamo il numero chiuso" porterò voti e favori alla Giannini & Co.

3) Nei 10 mesi che seguiranno (quelli che anticiperebbero la prossima prova d'Aprile) tanto verrà detto ma nulla, RIPETO, NULLA verrà fatto perchè i fondi necessari per immatricolare 80.000 candidati al primo anno di medicina non li troveranno e perchè il lobby dei medici Italiani e Europei si rivolteranno contro. Questo darà alla "anguillosa" Giannini la motivazione per dire: "Io ho tenatato ma non si può fare"

4) nel 2015 ci sarà l'ennesima prova d'ammissione con modalità modificate.


PREVISIONE 2

Nel caso in cui io abbia sbagliato completamente la PREVISIONE 1 vorrebbe dire che l'anno prossimo non c'è prova d'ammissione.
A questo punto 10.000 studenti si immatricolano, ma sopratutto negli atenei del NORD.
Il mio consiglio invece sarebbe di puntare la maggior parte degli studenti negli atenei meno gettonati, esempio Messina dove la probabilità di spuntare fuori con ottimi voti alla fine del primo anno, dovrebbe essere più alta. :dry:


Personalmente sarei a favore di una laurea in medicina post graduate. Cioè dopo il completamento di una laurea in scienze che ricopre TUTTE le materie non cliniche della laurea magistrale in medicina. Ma questo è un modello più americano che francese. :unsure:

Ammissione Scuole di Medicina e Chirurgia
ammissionemedicina.forumfree.it/

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Moderatori: Cyanidevitale
Tempo creazione pagina: 0.587 secondi