La scarsa disponibilità al dialogo del Rettore e i tagli all'Università

Di più
10 Anni 4 Mesi fa #202893 da falangespezzata
Ciao ragazzi, vi scrivo due cosette a proposito dell'ultimo Consiglio degli Studenti che si è svolto ieri. L'ordine del giorno prevedeva l'intervento del Rettore e una discussione su due questioni abbastanza importanti, ovvero:
1- le decadenze
2 - la chiusura delle strutture (vedi la biblioteca, che rimarrà chiusa anche il venerdì pomeriggio oltre che il sabato)
Purtroppo il Rettore non solo non è venuto al Consiglio, ma non si è degnato nemmeno di avvisarci della sua assenza nè tantomeno di inviare qualcuno che ne facesse le veci. Tutto ciò è stato appreso con sdegno da parte di tutti noi del Consiglio, che ci stiamo rendendo conto di quanto il Rettore stia sempre più acquisendo un atteggiamento di disfattismo e di totale lontananza da noi studenti. Le decisioni che si stanno prendendo nell'ambito dei famigerati tagli non sono assolutamente discusse in nessun luogo, nè in Consiglio di Amministrazione, nè al Consiglio degli Studenti, nè tantomeno al Senato Accademico (dove, unico caso italiano, ancora non ci si dà la possibilità di avere un rappresentante che CI SPETTEREBBE DA STATUTO).
A tale proposito abbiamo inviato una serie di richieste al Rettore, tra le quali figura quella in cui si chiede espressamente di EVITARE DI CHIUDERE LA BIBLIOTECA il venerdì pomeriggio alle 13.30 (se non sbaglio è questo il nuovo orario previsto per la chiusura), dato che qui le tasse aumentano e i servizi diminuiscono.
Attendiamo una risposta dal Grande Capo. Speriamo arrivi, altrimenti....altrimenti abbiamo pensato di fare qualcosa di più. O meglio, abbiamo pensato a due proteste alternative: andare venerdì in biblioteca e non uscire all'orario di chiusura oppure di metterci lì davanti, con i libri in mano e le televisioni,previamente avvisate, che ci riprendono mentre stiamo lì in segno di protesta.
Ora capisco che questo è un periodo pessimo per mettersi a protestare...però in fin dei conti venerdì, se ci sarà qualcosa,non sarà una cosa che durerà tanto e comunque sia ci sarà bisogno di più gente possibile perchè altrimenti faremo soltanto una figura da niente.
Vi invito dunque a seguire lo svolgersi degli eventi...vi avviserò tutti se il Rettore non dovesse rispondere, se si organizzerà qualche tipo di protesta e quando.
Noi di Medicina siamo sempre un pò estranei a tutto per via anche della distanza fisica dal cuore dell'università...cerchiamo in questo caso di non essere ancor più lontani di quanto già siamo.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Moderatori: falangespezzata
Tempo creazione pagina: 0.666 secondi