abortisti o antiabortisti?

Di più
12 Anni 1 Mese fa #100764 da Mana
Risposta da Mana al topic abortisti o antiabortisti?
Inachis_Io ha espresso, nel pieno possesso delle sue facoltà mentali, la seguente opinione:

Se qualcuno di voi, chiunque di voi, ha la certezza, ma guardate che io dico l\'assoluta certezza, quella che non da\' spazio ad alcun ragionevole dubbio, che la vita non inizi con l\'ovulo fecondato, alzi la mano.

Non è questione di vita/morte, ma di status di \"individuo\".Uno zigote è vivo quanto una cellula dell\'epidermide o un batterio, come sono vivi lo spermatozoo e l\'ovocita.Lo zigote non è un individuo: è una cellula.

Per rispondere a Mana:1) Io ho diritto e dovere di esprimere ciò che ritengo giusto nella società in cui vivo io e i miei cari, oltre che tu e i tuoi cari. Che sia medico, prete, politico, calciatore, ballerina ecc...Io non moralizzo nessuno che non voglia essere moralizzato, ma posso rifiutarmi di AGIRE PERSONALMENTE per porre fine ad un\'altrui vita. Sempre e comunque. Non puoi ordinarmi di uccidere nessuno, ecco perchè esiste la legge che tutela noi obiettori. ESSERI UMANI e MEDICI.

L\'etica professionale deve essere distaccata da quella religiosa. Se la tua etica religiosa ingombra la tua professione, bisogna fare un aut aut: le due cose NON DOVREBBERO poter coesistere.Per un testimone di geova fare una trasfusione equivale praticamente ad uccidere ( danni l\'anima ): accetteresti medico tdg che si rifiuta di farti una trasfusione?E se la mia religione ( di fantasia ) mi vietasse di fare prelievi? \"I Leucociti sono portatori dell\'anima, e sono vivi e senzienti: ergo io non faccio prelievi\" ... La possibilità dell\'obiezione di coscenza è una chiara violazione del principio di laicità dello stato.Se i tuoi principi religiosi ti impediscono di svolgere il tuo lavoro come richiesto, o cambi lavoro o cambi religione!Che poi di tutte le spacializzazioni, proprio ginecologia vanno a scegliere?! Secondo me lo fanno apposta... E\' come se un Brahmino ( casta sacerdotale indiana, a cui è proibito, tra le altre cose, toccare salme ) vuole fare il medico legale o l\'anatomo patologo...

2) La coscienza che mi vieta di AGIRE contro la vita di un\'altra persona. Che sia un ovulo fecondato o un omicida seriale nel braccio della morte. La vita è vita, sempre e comunque o vuoi ergerti a giudice di quale vita deve continuare e quale no?

Attento allora a prelievi, ega, pap test, biopsie... oltre ovviamente alle grattate, alle docce e a lavarsi le mani, ec... sai quante piccole povere cellue vive uccidi?! Quando fai un aborto ti ergi giudice della vita di qualche cellula, non di una persona ( ovviamente stando alla definizione della scienza medica, che è ovviamente quella da applicare nel lavoro ), esattamente come negli esempi soprastanti.

La pillola del giorno dopo E\' ABORTIVA A TUTTI GLI EFFETTI perchè agisce non permettendo all\'ovulo fecondato (che è vita) di impiantarsi. E\' come lasciare andare alla deriva nello spazio profondo un\'astronauta senza alcun appiglio o supporto vitale.

Ma certo che l\'ovulo è vita ( sia fecondato, che non fecondato... trallaltro ), ma non è una persona.Suggestiva la metafora dell\'astronauta: ma un astronauta è una persona, una cellula no.

Tu, caro/a Mana, sei qua, a digitare con tanta foga sul tuo bel pc, anche grazie al rispetto che i medici e i tuoi genitori hanno avuto di te quando eri grande qualche micron.

Quando ero grande qualche micron non ero tecnicamente io.Delle scelte fatte nei miei riguardi quando ero in quello stato mi cale esattamente delle scelte che veranno fatte nei riguardi del mio corpo dopo la mia morte.Inoltre, considerazione di carattere morale civile, io quando avrò un figlio voglio che sia una decisione volontaria e responsabile. Avere un figlio dovrebbe essere un gesto di amore e responsabilità, non un caso.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
12 Anni 1 Mese fa #100780 da marti87
Risposta da marti87 al topic abortisti o antiabortisti?
\"Che poi, se non consideri vita l\'embrione, come ammetti, che te frega di chiedere: \"ma chi ci dice che il piccoletto VUOLE VIVERE in certe condizioni???\"\" Io non considero l\'embrione vita, ma perchè non dovrei prendere in considerazione il fatto che per te lo è??? Allora ti chiedo, considerato che per te l\'embrione è vita, come fai ad essere certo che vuole vivere in certe condizioni??Non puoi esserlo! L\'unica cosa di cui puoi essere certo è che la madre non lo vuole e allora proprio tu che sei così contro il relativismo perchè ti batti per una cosa di cui non hai assolutamente certezza??? E nello stesso tempo chiudi la porta in faccia ad una persona che ha bisogno di te senza alcun dubbio???

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
12 Anni 1 Mese fa #100781 da Serendipity
concordo con ogni singola cosa detta da mana..sintetizzi in pieno il mio pensiero..

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
12 Anni 1 Mese fa #100790 da franz
Risposta da franz al topic abortisti o antiabortisti?
mi inserisco pure io in questo discorso che mi interessa: premetto però che sono una persona molto anticattolica e antireligiosa, non credo in dio nè sopratutto in tutto quello che dice la chiesta, cl etc etc ... così non potrete pensare che parlo per dogmi!ebbene, io se fossi ginecologa (e non è escluso che lo diventi) non penso praticherei l\'aborto ... per il semplice fatto che non siamo macchine: è vero siamo pagati dallo stato per praticare la professione nella sua interezza, ma, a parte il fatto che personalmente potrei rinunciare a parte dello stipendio, non si può essere d\'accordo su tutto. Penso che l\'aborto sia un evento tremendo per la donna che lo sceglie, ma anche per quella che lo pratica. Insomma non andrei a dormire tranquilla, e penso che anche il medico debba essere tutelato dal punto di vista psicologico.se fossi vissuta nell\'epoca del referendum, avrei votato per l\'aborto e sono convinta che questa legge ci debba essere: sicuramente è giusto che vi siano medici che praticano l\'aborto per assicurare la scelta anche nei piccoli centri, e questo è un punto della legge che forse andrebbe rivisto. Non mi pare in questo modo di poter costringere nessuno a scelte diverse da quelle prese ...

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
12 Anni 1 Mese fa #100793 da Carlos Chagas
Mana ha espresso, nel pieno possesso delle sue facoltà mentali, la seguente opinione:

Inachis_Io ha espresso, nel pieno possesso delle sue facoltà mentali, la seguente opinione:

Se qualcuno di voi, chiunque di voi, ha la certezza, ma guardate che io dico l\'assoluta certezza, quella che non da\' spazio ad alcun ragionevole dubbio, che la vita non inizi con l\'ovulo fecondato, alzi la mano.

Non è questione di vita/morte, ma di status di "individuo".Uno zigote è vivo quanto una cellula dell\'epidermide o un batterio, come sono vivi lo spermatozoo e l\'ovocita.Lo zigote non è un individuo: è una cellula.

Per rispondere a Mana:1) Io ho diritto e dovere di esprimere ciò che ritengo giusto nella società in cui vivo io e i miei cari, oltre che tu e i tuoi cari. Che sia medico, prete, politico, calciatore, ballerina ecc...Io non moralizzo nessuno che non voglia essere moralizzato, ma posso rifiutarmi di AGIRE PERSONALMENTE per porre fine ad un\'altrui vita. Sempre e comunque. Non puoi ordinarmi di uccidere nessuno, ecco perchè esiste la legge che tutela noi obiettori. ESSERI UMANI e MEDICI.

L\'etica professionale deve essere distaccata da quella religiosa. Se la tua etica religiosa ingombra la tua professione, bisogna fare un aut aut: le due cose NON DOVREBBERO poter coesistere.Per un testimone di geova fare una trasfusione equivale praticamente ad uccidere ( danni l\'anima ): accetteresti medico tdg che si rifiuta di farti una trasfusione?E se la mia religione ( di fantasia ) mi vietasse di fare prelievi? "I Leucociti sono portatori dell\'anima, e sono vivi e senzienti: ergo io non faccio prelievi" ... La possibilità dell\'obiezione di coscenza è una chiara violazione del principio di laicità dello stato.Se i tuoi principi religiosi ti impediscono di svolgere il tuo lavoro come richiesto, o cambi lavoro o cambi religione!Che poi di tutte le spacializzazioni, proprio ginecologia vanno a scegliere?! Secondo me lo fanno apposta... E\' come se un Brahmino ( casta sacerdotale indiana, a cui è proibito, tra le altre cose, toccare salme ) vuole fare il medico legale o l\'anatomo patologo...

2) La coscienza che mi vieta di AGIRE contro la vita di un\'altra persona. Che sia un ovulo fecondato o un omicida seriale nel braccio della morte. La vita è vita, sempre e comunque o vuoi ergerti a giudice di quale vita deve continuare e quale no?

Attento allora a prelievi, ega, pap test, biopsie... oltre ovviamente alle grattate, alle docce e a lavarsi le mani, ec... sai quante piccole povere cellue vive uccidi?! Quando fai un aborto ti ergi giudice della vita di qualche cellula, non di una persona ( ovviamente stando alla definizione della scienza medica, che è ovviamente quella da applicare nel lavoro ), esattamente come negli esempi soprastanti.

La pillola del giorno dopo E\' ABORTIVA A TUTTI GLI EFFETTI perchè agisce non permettendo all\'ovulo fecondato (che è vita) di impiantarsi. E\' come lasciare andare alla deriva nello spazio profondo un\'astronauta senza alcun appiglio o supporto vitale.

Ma certo che l\'ovulo è vita ( sia fecondato, che non fecondato... trallaltro ), ma non è una persona.Suggestiva la metafora dell\'astronauta: ma un astronauta è una persona, una cellula no.

Tu, caro/a Mana, sei qua, a digitare con tanta foga sul tuo bel pc, anche grazie al rispetto che i medici e i tuoi genitori hanno avuto di te quando eri grande qualche micron.

Quando ero grande qualche micron non ero tecnicamente io.Delle scelte fatte nei miei riguardi quando ero in quello stato mi cale esattamente delle scelte che veranno fatte nei riguardi del mio corpo dopo la mia morte.Inoltre, considerazione di carattere morale civile, io quando avrò un figlio voglio che sia una decisione volontaria e responsabile. Avere un figlio dovrebbe essere un gesto di amore e responsabilità, non un caso.

Ovviamente quando parlo di vita non parlo in generale ma parlo di vita umana, di persona umana.Sennò avresti anche potuto dirmi che sono contrario agli antibiotici...Una cellula...già...ma di chi? Di papà forse? nah...di mamma? neppure...allora è una cellula diversa da entrambi...è un individuo con un suo corredo cromosomico personale.L\'appellativo "persona" si riferisce ad un essere umano che gode di diritti.Qualcuno l\'ha definita "in potenza" questo significa che può svilupparsi in uomo o in scimmia indistintamente?No, ovviamente, intendete che potrebbe non-svilupparsi.Bene, ma se si sviluppasse diventerebbe uomo, o no?E\' inutile dilungarsi su questo discorso.Ci sono stati filosofi, medici e chi più ne ha più ne metta che hanno detto la loro, e ancora nessuno, neppure la Chiesa tanto da voi criticata ha messo il punto definitivo sulla questione.Per voi è invece così chiara da apparire ridicola. Avete capito tutto o credete di aver capito.Per me quella cellula che tu sembri quasi disprezzare, è persona e ha dei diritti, proprio come l\'astronauta, per voi no.Voi non credete nell\'anima per cui potete arbitrariamente collocare la parola "persona" quando più vi fa comodo.Io non ho intenzione di fare ginecologia, se può sollevarti, l\'ho precedentemente premesso, ma ho espresso in qualità di futuro-medico la mia opinione.Io sono cattolico.La fede che si professa, qualunque essa sia, non può essere spenta con un interruttore quando può dar fastidio agli altri.E\' una scelta di vita, la fede la si vive, anche quando è difficile, anzi, sopratutto quando è più difficile.La mia etica religiosa non ingombra la mia professione, la arricchisce.Non mi toglie niente ma mi da in più.Non mi ostacola con i miei pazienti, ma mi aiuta ad essere migliore.L\'essere medico e l\'essere cattolico sono complementari l\'un l\'altro, come essere scienziato e d essere credente.Per me non esiste contraddizione. Non c\'è discordanza.Noto che alcuni stanno strumentalizzando il discorso originale per andare a parare in altro campo, se volete aprite un altro topic sarò ben lieto di rispondervi. Vi faccio notare che non ho citato ne\' Dio ne\' la Chiesa nei miei primi topic, questo perchè credo che la risposta sia insita nell\'uomo e non nei cattolici e basta.Vedetevi un po\' di diritto e poi mi dite se è anticostituzionale essere obiettori, cattolici, ebrei o atei che siano...e perfavore, non vedete un\'attacco alla laicità dello stato ogni volta che si parla di certe cose! Questa è paranoia!Tu credi davvero di poter "programmare" sempre tutto nella tua vita? Mi auguro per te di no.Non credo al caso, credo alla causa.Il caso, come fortuna e sfortuna, non esiste. Ma questa è un\'altra storia... :lol:

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
12 Anni 1 Mese fa #100795 da Carlos Chagas
marti87 ha espresso, nel pieno possesso delle sue facoltà mentali, la seguente opinione:

\"Che poi, se non consideri vita l\'embrione, come ammetti, che te frega di chiedere: \"ma chi ci dice che il piccoletto VUOLE VIVERE in certe condizioni???\"\" Io non considero l\'embrione vita, ma perchè non dovrei prendere in considerazione il fatto che per te lo è??? Allora ti chiedo, considerato che per te l\'embrione è vita, come fai ad essere certo che vuole vivere in certe condizioni??Non puoi esserlo! L\'unica cosa di cui puoi essere certo è che la madre non lo vuole e allora proprio tu che sei così contro il relativismo perchè ti batti per una cosa di cui non hai assolutamente certezza??? E nello stesso tempo chiudi la porta in faccia ad una persona che ha bisogno di te senza alcun dubbio???

E tu? Tu sei certa che l\'embrione non è vita e non vuole invece vivere?Nell\'incertezza distruggi anzichè lasciare?Io non chiudo e non chiuderò mai nessuna porta in faccia a qualcuno che chiede aiuto.Anzi, sai he ti dico?Se potessi, vorrei parlare anche se solo per cinque minuti con ogni donna che vuole abortire.So che è impossibile, ma se lo fosse, sono certo di riuscire a convincerne qualcuna a non farlo e sarebbe una grande vittoria, un grande successo, per me, ma sopratutto per lei e per il suo bambino.Siamo abituati a volte a prendere la scorciatoia, la strada più facile e all\'apparenza meno dolorosa, per poi accorgerci dell\'errore solo quando l\'abbiamo già imboccata e non possiamo più tornare indietro.Le persone hanno bisogno di essere ascoltate, capite, rincuorate, non di una ricetta e via.Hanno bisogno di non sentirsi sole e abbandonate dal mondo.Tutti noi cerchiamo di non soffrire o se proprio dobbiamo, di soffrire il meno possibile e a volte ci basta davvero poco per tornare a sorridere, non vi è mai successo?Il medico non è solo uno scienziato, è molto, molto, molto di più.Appena nasciamo e quando alla fine moriamo, non c\'è un sacerdote davanti a noi, ma un medico.Noi siamo spettatori dei più grandi misteri della vita, la nascita e la morte, nessun altro oltre a noi può avere un onore e una responsabilità simile.Questo è quello che penso.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
12 Anni 1 Mese fa #100800 da Mana
Risposta da Mana al topic abortisti o antiabortisti?
Inachis_Io ha espresso, nel pieno possesso delle sue facoltà mentali, la seguente opinione:

Ovviamente quando parlo di vita non parlo in generale ma parlo di vita umana, di persona umana.Sennò avresti anche potuto dirmi che sono contrario agli antibiotici...

Curioso che lo dici; perchè ai suoi tempi, antibiotici e vaccini erano condannati dai religiosi... poi davanti all\'evidenza...

Una cellula...già...ma di chi? Di papà forse? nah...di mamma? neppure...allora è una cellula diversa da entrambi...è un individuo con un suo corredo cromosomico personale.

Il genoma non è un criterio valido per la definizione degli individui:Due gemelli omozigoti non sono lo stesso individuo, un organo trapiantato non è un individuo indipendente, senza parlare di chimerismi ( due individui in uno? ), gemelli parassiti, et cetera.

L\'appellativo \"persona\" si riferisce ad un essere umano che gode di diritti.

Un embrione, legalmente e scientificamente, non è una persona e non gode dei relativi diritti.Lo status che gli assegna una religione non è influente alla pratica medica o alla ricerca scientifica.

Qualcuno l\'ha definita \"in potenza\" questo significa che può svilupparsi in uomo o in scimmia indistintamente?No, ovviamente, intendete che potrebbe non-svilupparsi.Bene, ma se si sviluppasse diventerebbe uomo, o no?E\' inutile dilungarsi su questo discorso.Ci sono stati filosofi, medici e chi più ne ha più ne metta che hanno detto la loro, e ancora nessuno, neppure la Chiesa tanto da voi criticata ha messo il punto definitivo sulla questione.Per voi è invece così chiara da apparire ridicola. Avete capito tutto o credete di aver capito.

E\' semplicemente una cellula, con un genoma e un apparato biosintetico. Cambi genoma -> cambia risultatiPensi sia lontano il giorno in cui sarà possibile tornare indietro da una cellula specializzata ad una totipotente?Il problema è puramente tecnologico, concettualmente è chiaro.

Per me quella cellula che tu sembri quasi disprezzare, è persona e ha dei diritti, proprio come l\'astronauta, per voi no.

Non importa cosa è per me o per te, importa ciò che è per la legge e per la scienza, i due campi che regolano la medicina.

Voi non credete nell\'anima per cui potete arbitrariamente collocare la parola \"persona\" quando più vi fa comodo.

L\'anima con la medicina e con la definizione giuridica e scientifica di \"persona\" non c\'entra nulla.Anche per chi dunque crede nell\'anima, negli spiriti e nei fantasmi; la definizione di \"persona\" quando lavora e si trova in un ambito medico-scientifico DEVE attenersi a criteri scientifici e legali, e non spirituali.

Io sono cattolico.La fede che si professa, qualunque essa sia, non può essere spenta con un interruttore quando può dar fastidio agli altri.E\' una scelta di vita, la fede la si vive, anche quando è difficile, anzi, sopratutto quando è più difficile.La mia etica religiosa non ingombra la mia professione, la arricchisce.Non mi toglie niente ma mi da in più.L\'essere medico e l\'essere cattolico sono complementari l\'un l\'altro, come essere scienziato e d essere credente.Per me non esiste contraddizione. Non c\'è discordanza.

Un vegetariano non va a fare il macellaio, un testimone di geova non va a fare l\'ematologo, un Brahmino non va a fare il medico legale, un pacifista non va a fare il Carabiniere... un cattolico non dovrebbe andare a fare il ginecologo.A MENO CHE decidano di attenersi all\'etica PROFESSIONALE e non a quella personale e/o religiosa, quando sono sul lavoro.Scienza e religione sono compatibili SOLO se sono tenuti RIGOROSAMENTE separati, poichè la religione si basa sulla fede mentre la scienza si basa sulla falsificabilità. Sono uno l\'opposto dell\'altra.

Noto che alcuni stanno strumentalizzando il discorso originale per andare a parare in altro campo, se volete aprite un altro topic sarò ben lieto di rispondervi. Vi faccio notare che non ho citato ne\' Dio ne\' la Chiesa nei miei primi topic, questo perchè credo che la risposta sia insita nell\'uomo e non nei cattolici e basta.Vedetevi un po\' di diritto e poi mi dite se è anticostituzionale essere obiettori, cattolici, ebrei o atei che siano...e perfavore, non vedete un\'attacco alla laicità dello stato ogni volta che si parla di certe cose! Questa è paranoia!

E\' infatti una vergogna che ci sia questa possibilità.Chi non vuole fare aborti, non va a fare il ginecologo...Come chi non vuole uccidere animali non va a fare il macellaio o il cacciatori! Ma che ti pare che un chirurgo per esempio possa dire: \"io le appendicectomie non le faccio, perchè nell\'appendice risiede l\'essenza dell\'antani con scappellamento a destra\".Non vuoi fare le appendicectomie? non fai il chirurgo!

Un\'ultima cosa.Mia figlia non è nata a caso.Io e sua madre ci amiamo e ci amavamo, è nata dall\'amore.E\' stata una venuta inattesa, ma è stata amata sin dal primo momento che abbiamo saputo di lei.Si muore all\'improvviso, si può nascere anche all\'improvviso, in entrambi i casi, l\'importante è essere amati dall\'inizio alla fine.

Ok, ma credi che tutte le gravidanze siano frutto di un \"grande amore\" e di una relazione stabile? Molte gravidanze sono frutto di un sabato sera allegro, o di una storia qualsiasi... ( anche se ciò scandalizza la morale sessuale del cattolico medio )

Tu credi davvero di poter \"programmare\" sempre tutto nella tua vita? Mi auguro per te di no.

Avere un figlio è una cosa che si dovrebbe programmare, secondo la mia morale. Ma su questo libertà totale.. ognuno fa come vuole!

Non credo al caso, credo alla causa.Il caso, come fortuna e sfortuna, non esiste. Ma questa è un\'altra storia... :lol:

Meglio non indagare, perchè le teorie finalistiche mi fanno inorridire solitamente! ;)Intelligent design, creazionismo, antropocentrismo, volontà divina, predestinazione... *BRRRRR*Preferisco il logico disordine dell\'indeterminazione :)

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
12 Anni 1 Mese fa #100809 da Carlos Chagas
Mana ha espresso, nel pieno possesso delle sue facoltà mentali, la seguente opinione:

Inachis_Io ha espresso, nel pieno possesso delle sue facoltà mentali, la seguente opinione:

Ovviamente quando parlo di vita non parlo in generale ma parlo di vita umana, di persona umana.Sennò avresti anche potuto dirmi che sono contrario agli antibiotici...

Curioso che lo dici; perchè ai suoi tempi, antibiotici e vaccini erano condannati dai religiosi... poi davanti all\'evidenza...

Una cellula...già...ma di chi? Di papà forse? nah...di mamma? neppure...allora è una cellula diversa da entrambi...è un individuo con un suo corredo cromosomico personale.

Il genoma non è un criterio valido per la definizione degli individui:Due gemelli omozigoti non sono lo stesso individuo, un organo trapiantato non è un individuo indipendente, senza parlare di chimerismi ( due individui in uno? ), gemelli parassiti, et cetera.

L\'appellativo \"persona\" si riferisce ad un essere umano che gode di diritti.

Un embrione, legalmente e scientificamente, non è una persona e non gode dei relativi diritti.Lo status che gli assegna una religione non è influente alla pratica medica o alla ricerca scientifica.

Qualcuno l\'ha definita \"in potenza\" questo significa che può svilupparsi in uomo o in scimmia indistintamente?No, ovviamente, intendete che potrebbe non-svilupparsi.Bene, ma se si sviluppasse diventerebbe uomo, o no?E\' inutile dilungarsi su questo discorso.Ci sono stati filosofi, medici e chi più ne ha più ne metta che hanno detto la loro, e ancora nessuno, neppure la Chiesa tanto da voi criticata ha messo il punto definitivo sulla questione.Per voi è invece così chiara da apparire ridicola. Avete capito tutto o credete di aver capito.

E\' semplicemente una cellula, con un genoma e un apparato biosintetico. Cambi genoma -> cambia risultatiPensi sia lontano il giorno in cui sarà possibile tornare indietro da una cellula specializzata ad una totipotente?Il problema è puramente tecnologico, concettualmente è chiaro.

Per me quella cellula che tu sembri quasi disprezzare, è persona e ha dei diritti, proprio come l\'astronauta, per voi no.

Non importa cosa è per me o per te, importa ciò che è per la legge e per la scienza, i due campi che regolano la medicina.

Voi non credete nell\'anima per cui potete arbitrariamente collocare la parola \"persona\" quando più vi fa comodo.

L\'anima con la medicina e con la definizione giuridica e scientifica di \"persona\" non c\'entra nulla.Anche per chi dunque crede nell\'anima, negli spiriti e nei fantasmi; la definizione di \"persona\" quando lavora e si trova in un ambito medico-scientifico DEVE attenersi a criteri scientifici e legali, e non spirituali.

Io sono cattolico.La fede che si professa, qualunque essa sia, non può essere spenta con un interruttore quando può dar fastidio agli altri.E\' una scelta di vita, la fede la si vive, anche quando è difficile, anzi, sopratutto quando è più difficile.La mia etica religiosa non ingombra la mia professione, la arricchisce.Non mi toglie niente ma mi da in più.L\'essere medico e l\'essere cattolico sono complementari l\'un l\'altro, come essere scienziato e d essere credente.Per me non esiste contraddizione. Non c\'è discordanza.

Un vegetariano non va a fare il macellaio, un testimone di geova non va a fare l\'ematologo, un Brahmino non va a fare il medico legale, un pacifista non va a fare il Carabiniere... un cattolico non dovrebbe andare a fare il ginecologo.A MENO CHE decidano di attenersi all\'etica PROFESSIONALE e non a quella personale e/o religiosa, quando sono sul lavoro.Scienza e religione sono compatibili SOLO se sono tenuti RIGOROSAMENTE separati, poichè la religione si basa sulla fede mentre la scienza si basa sulla falsificabilità. Sono uno l\'opposto dell\'altra.

Noto che alcuni stanno strumentalizzando il discorso originale per andare a parare in altro campo, se volete aprite un altro topic sarò ben lieto di rispondervi. Vi faccio notare che non ho citato ne\' Dio ne\' la Chiesa nei miei primi topic, questo perchè credo che la risposta sia insita nell\'uomo e non nei cattolici e basta.Vedetevi un po\' di diritto e poi mi dite se è anticostituzionale essere obiettori, cattolici, ebrei o atei che siano...e perfavore, non vedete un\'attacco alla laicità dello stato ogni volta che si parla di certe cose! Questa è paranoia!

E\' infatti una vergogna che ci sia questa possibilità.Chi non vuole fare aborti, non va a fare il ginecologo...Come chi non vuole uccidere animali non va a fare il macellaio o il cacciatori! Ma che ti pare che un chirurgo per esempio possa dire: \"io le appendicectomie non le faccio, perchè nell\'appendice risiede l\'essenza dell\'antani con scappellamento a destra\".Non vuoi fare le appendicectomie? non fai il chirurgo!

Un\'ultima cosa.Mia figlia non è nata a caso.Io e sua madre ci amiamo e ci amavamo, è nata dall\'amore.E\' stata una venuta inattesa, ma è stata amata sin dal primo momento che abbiamo saputo di lei.Si muore all\'improvviso, si può nascere anche all\'improvviso, in entrambi i casi, l\'importante è essere amati dall\'inizio alla fine.

Ok, ma credi che tutte le gravidanze siano frutto di un \"grande amore\" e di una relazione stabile? Molte gravidanze sono frutto di un sabato sera allegro, o di una storia qualsiasi... ( anche se ciò scandalizza la morale sessuale del cattolico medio )

Tu credi davvero di poter \"programmare\" sempre tutto nella tua vita? Mi auguro per te di no.

Avere un figlio è una cosa che si dovrebbe programmare, secondo la mia morale. Ma su questo libertà totale.. ognuno fa come vuole!

Non credo al caso, credo alla causa.Il caso, come fortuna e sfortuna, non esiste. Ma questa è un\'altra storia... :lol:

Meglio non indagare, perchè le teorie finalistiche mi fanno inorridire solitamente! ;)Intelligent design, creazionismo, antropocentrismo, volontà divina, predestinazione... *BRRRRR*Preferisco il logico disordine dell\'indeterminazione :)

Non hai risposto.Quella che tu definisci come cellula e basta, non è nè paterna nè materna.Non tutte le leggi sono ingiuste e non è detto che un giorno non si legiferi su ciò che tu reputi intoccabile.La scienza non dice che l\'embrione ha l\'anima, semplicemente perchè l\'anima non può essere indagata scientificamente.Tu abbiamo capito tutti, hai bisogno di vedere e toccare.Sono cattolico ma non sono un idiota quale tu e molti altri vorreste far credere.Ma anche qua non riuscirò a farti cambiare idea e lo sappiamo entrambi, pensa ciò che vuoi, non posso impedirtelo.Comunque tranquillo ho capito perfettamente come la pensi.Io non posso fare niente per farti cambiare idea e tu lo sai bene, qualsiasi cosa dica, troverai una risposta tua.Per me rimane persona per ovvi motivi, per te no.Io credo tu no: questo fa molta differenza.Non c\'è dialogo mi pare, correggimi se sbaglio, se ci fosse qualcosa di cui dibattere mi farebbe molto piacere continuare, credimi, ma io non lo vedo, indicamelo tu.Apprezzo la tua sicurezza, la tua ottima capacità dialettica.Spero che possano venir utilizzate sempre nel migliore dei modi.Puoi pensare, anzi, ne sarai certo, che mi sbagli, ma prima o poi la tua razionalità che credi d\'acciaio s\'incrinerà.Non sarà oggi, nè domani, ma capiterà.Almeno, nonostante tu abbia la certezza che ciò non capiterà mai, io te lo auguro. ;)

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
12 Anni 1 Mese fa #100816 da snai
Risposta da snai al topic abortisti o antiabortisti?
ANTIABORTISTA!!!!!!!!!!!!!!Fino alla fine....LA gente dovrebbe capire di finirla di scaricare le proprie colpe o responsabilità aspettate o no su delle creatura che non hanno nessuna colpa!!!!!!!!!!!!

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
12 Anni 1 Mese fa #100819 da marti87
Risposta da marti87 al topic abortisti o antiabortisti?
io sono certa che l\'embrione per me non è vita!!!!!!!!!!!!!!!e poi se invece i medici imparassero che sono \"solo\" scienziati e non guide spirituali forse starebbero più attenti al loro vero lavoro... io quando vado da un medico non voglio un amico voglio un PROFESSIONISTA che mi sappia aiutare e non che mi dia consigli sulla mia vita privata senza conoscermi.Sono stata comunque una delle prime ad affermare che non sono d\'accordo che l\'aborto venga usato come metodo anticoncezionale ma nel momento stesso che decidi di essere obiettore non aiuti neanche quell\'ipotetica povera ragazza che è stata violentata. O pensi di aiutarla parlandole e facendole capire che uccidere qualcuno che ancora non c\'è è sbagliato???? Violentare qualcuno che invece c\'è è stato giusto????Non mi interessa inoltre la matrice religiosa...che tu sia cattolico, mussulmano, indù non lo voglio sapere e anzi io la religione la ritengo una cosa estremamente utile, una fantastica parabola del vivere civile, finchè però non ti mette i paraocchi riguardo certe tematiche

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Moderatori: Cyanidegaudio
Tempo creazione pagina: 0.495 secondi