Omosessuale non può donare il sangue

Di più
9 Anni 11 Mesi fa - 9 Anni 11 Mesi fa #205149 da diablo87
E la cosa tragica è che voi vi stupite per notizie come quelle sopra riportate....

http://www.fda.gov/biologicsbloodvaccines/bloodbloodproducts/questionsaboutblood/ucm108186.htm

Page Last Updated: 06/18/2009

Blood Donations from Men Who Have Sex with Other Men Questions and Answers
What is FDA's policy on blood donations from men who have sex with other men (MSM)?
Men who have had sex with other men, at any time since 1977 (the beginning of the AIDS epidemic in the United States) are currently deferred as blood donors. This is because MSM are, as a group, at increased risk for HIV, hepatitis B and certain other infections that can be transmitted by transfusion.
The policy is not unique to the United States. Many European countries have recently reexamined both the science and ethics of the lifetime MSM deferral, and have retained it (See the transcript of the "FDA Workshop on Behavior-Based Donor Deferrals in the NAT Era" for further information.). This decision is also consistent with the prevailing interpretation of the European Union Directive 2004/33/EC article 2.1 on donor deferrals.

Why doesn't FDA allow men who have had sex with men to donate blood?
A history of male-to-male sex is associated with an increased risk for the presence of and transmission of certain infectious diseases, including HIV, the virus that causes AIDS. FDA's policy is intended to protect all people who receive blood transfusions from an increased risk of exposure to potentially infected blood and blood products.


E da un punto di vista puramente epidemiologico questo è vero;  ovvero che i maschi omosessuali presentano comportamenti sessuali molto più promiscui rispetto agli eterosessuali. Se l'andare a puttane deve essere considerato motivo di esclusione perchè da un punto di vista epidemiologico c'è una maggiore probabilità di STD allora per lo stesso principio l'essere omosessuale, poichè espone ad un maggiore rischio di STD, deve essere motivo di esclusione.

Direi che quando si parla della salute della gente, più che facile buonismo o prendere le difese a priori di una parte della popolazione andrebbe valutato il tutto nel complesso.

Detto questo se domani venisse fuori che l'essere castani con occhi marroni è considerato motivo di esclusione perchè si è visto che presentano un elevato rischio di STD allora è giusto che per garantire la salute della popolazione questo tipo di persone venisse esclusa.

Edit:

http://www.fda.gov/downloads/BiologicsBloodVaccines/BloodBloodProducts/ApprovedProducts/LicensedProductsBLAs/BloodDonorScreening/UCM213552.pdf

Qui una parte dell'enorme questionario che viene somministrato.

E qui la domanda

From 1977 to the present, have you

33. Received money, drugs, or other payment for sex? YES NO

34. Male donors: had sexual contact with another male, even once? YES NO

(Females: check “I am female.”)


Ultima Modifica 9 Anni 11 Mesi fa da .

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
9 Anni 11 Mesi fa #205170 da Freedom

Esattamente come è stato per l'HIV e l'HCV, il sangue ipercontrollato può contenere patogeni al momento non noti, e che tra vent'anni lo saranno.

Ne e' il classico esempio le varie epatiti  _itsok_

E da un punto di vista puramente epidemiologico questo è vero;  ovvero che i maschi omosessuali presentano comportamenti sessuali molto più promiscui rispetto agli eterosessuali. Se l'andare a puttane deve essere considerato motivo di esclusione perchè da un punto di vista epidemiologico  c'è una maggiore probabilità di STD allora per lo stesso principio l'essere omosessuale, poichè espone ad un maggiore rischio di STD, deve essere motivo di esclusione.

Bho' io non ne sarei cosi sicuro, io sapevo che invece gli omosessuali da quando l'HIV nel passato vicino dilagava fra loro, le loro abitudini in fatto di sicurezza superano parecchio quelle degl'etero.
Penso che chiunque faccia sesso dovrebbe essere escluso...Se si volesse seriamente prendere in considerazione i rischi associati alle consuetudini personali, lavoro, vita ecc.. sarebbero pochi i donatori accettabili

"Ho sempre tentato. Ho sempre fallito. Non discutere. Fallisci ancora. Fallisci meglio."

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
9 Anni 11 Mesi fa #205177 da diablo87

Esattamente come è stato per l'HIV e l'HCV, il sangue ipercontrollato può contenere patogeni al momento non noti, e che tra vent'anni lo saranno.

Ne e' il classico esempio le varie epatiti  _itsok_

E da un punto di vista puramente epidemiologico questo è vero;  ovvero che i maschi omosessuali presentano comportamenti sessuali molto più promiscui rispetto agli eterosessuali. Se l'andare a puttane deve essere considerato motivo di esclusione perchè da un punto di vista epidemiologico  c'è una maggiore probabilità di STD allora per lo stesso principio l'essere omosessuale, poichè espone ad un maggiore rischio di STD, deve essere motivo di esclusione.

Bho' io non ne sarei cosi sicuro, io sapevo che invece gli omosessuali da quando l'HIV nel passato vicino dilagava fra loro, le loro abitudini in fatto di sicurezza superano parecchio quelle degl'etero.
Penso che chiunque faccia sesso dovrebbe essere escluso...Se si volesse seriamente prendere in considerazione i rischi associati alle consuetudini personali, lavoro, vita ecc.. sarebbero pochi i donatori accettabili


Rimango in attesa di documentazione a riguardo e ti chiederei per cortesia di argomentarmi l'affermazione in grassetto

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
9 Anni 11 Mesi fa - 9 Anni 11 Mesi fa #205178 da Lodin

Bho' io non ne sarei cosi sicuro, io sapevo che invece gli omosessuali da quando l'HIV nel passato vicino dilagava fra loro, le loro abitudini in fatto di sicurezza superano parecchio quelle degl'etero.

Ma non è un fatto di abitudini sane o meno, la cosa è motivata dal TIPO di rapporto praticato, che a parità di abitudini è più rischioso, almeno così ho capito io, visto anche quanto letto in questo topic:

Cambia le tipologia del rapporto sessuale, che espone a rischio di contagio quasi nullo.
Per come l'ho studiato io, un rapporto anale è 10-20 volte più rischioso di un rapporto vaginale, e un rapporto tra donne spesso non comprende nemmeno penetrazione, risultando quasi del tutto sicuro.

(Utente DrHP)

i rapporti anali sono rapporti sessuali traumatici, possono portare piu' facilmente a contatto liquidi seminali e sangue, o sangue e sangue, e dunque a maggiori probabilita' di contrarre l'infezione. Infatti, l'epitelio del retto e' molto piu' sottile e meno resistente di quello della vagina. Il rapporto anale non protetto, dunque, rappresenta - sia per gli eterosessuali che gli omosessuali - la pratica sessuale a piu' elevato rischio.

(Utente Cyanide)

Tutte le scoperte della medicina si possono ricondurre alla breve formula: l'acqua, bevuta moderatamente, non è nociva. (Mark Twain)
Ultima Modifica 9 Anni 11 Mesi fa da .

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
9 Anni 11 Mesi fa - 9 Anni 11 Mesi fa #205181 da Freedom

Rimango in attesa di documentazione a riguardo e ti chiederei per cortesia di argomentarmi l'affermazione in grassetto

Semplicemente  un qualsiasi rapporto sessuale e' potenzialmente fattore di rischio di trasmissione...documentazione?, un manuale di virologia o microbiologia
era un affermazione ironica comunque

Ma non è un fatto di abitudini sane o meno, la cosa è motivata dal TIPO di rapporto praticato, che a parità di abitudini è più rischioso, almeno così ho capito io, visto anche quanto letto in questo topic

Si si ma un profilattico e' un profilattico, non si puo' ipotizzare a parita' di abitudini...altrimenti non andrebbe considerata la prevalenza di rapporti anali negli omosessuali

"Ho sempre tentato. Ho sempre fallito. Non discutere. Fallisci ancora. Fallisci meglio."
Ultima Modifica 9 Anni 11 Mesi fa da .

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
9 Anni 11 Mesi fa #205211 da DocMcCoy
Qualcuno mi sa dire quanto può rimanere l'HIV nel sangue senza essere identificato???

La medicina è la sola professione che lotta incessantemente per distruggere la ragione della propria esistenza

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
9 Anni 11 Mesi fa #205212 da Freedom
L'esatto periodo non lo so ma penso si parli di giorni.Gli anticorpi contro l'HIV compaiono nel siero del paziente in quantità rilevabili nelle 3-6 settimane dopo l'infezione ( chiamato periodo finestra), si utilizza il test ELIZA, mentre la ricerca di antigeni virali e' utile nel periodo finestra, con positivo fino a 16 giorni dall'infezione, e nell'infezione prenatale (meno nelle altre fasi).

"Ho sempre tentato. Ho sempre fallito. Non discutere. Fallisci ancora. Fallisci meglio."

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
9 Anni 11 Mesi fa #205222 da DrHP

Qualcuno mi sa dire quanto può rimanere l'HIV nel sangue senza essere identificato???

Con una PCR dovrebbe essere identificabile nel giro di 24-36 ore, più le 12-24 ore dell'esame.
Di nuovo, il problema sono i costi. Se il servizio è di pubblica utilità non si può fare una PCR a tutti i donatori solo per salvaguardare l'autostima dell'omosessuale donatore. Magari si potrebbe fare - e probabilmente si fa - se il donatore ha un gruppo raro (0-, B-). Se è un A+ o uno 0+, non ne vale la pena economicamente parlando.

L'esatto periodo non lo so ma penso si parli di giorni.Gli anticorpi contro l'HIV compaiono nel siero del paziente in quantità rilevabili nelle 3-6 settimane dopo l'infezione ( chiamato periodo finestra), si utilizza il test ELIZA, mentre la ricerca di antigeni virali e' utile nel periodo finestra, con positivo fino a 16 giorni dall'infezione, e nell'infezione prenatale (meno nelle altre fasi)


E' corretto. Si tratta di un'infezione virale: 1 settimana perché compaiano le IgM, altre 2-3 perché si compia lo switch isotipico a IgG. Prima (anche durante e dopo) puoi rilevare virus e carica virale con la RT-PCR.

Questa è pura follia! Il giudice che ha emesso una sentenza del genere è un pazzo...adesso dobbiamo anche prevedere il futuro? :mago:  sinceramente, fa paura... io dovrei essere condannato perché ho contagiato un paziente con una malattia di cui la scienza non conosceva l'esistenza?!


La scienza non ne conosceva l'esistenza ma tu come medico sai benissimo che alla scienza non tutto è noto e anche questo deve entrare nel novero del rapporto rischio-beneficio, questo è ciò che ha detto il giudice, in soldoni.
Sì, fa paura. Ma non troppa: ci sono cose molto più banali che fanno molta più paura, sotto il profilo medico-legale.

Bho' io non ne sarei cosi sicuro, io sapevo che invece gli omosessuali da quando l'HIV nel passato vicino dilagava fra loro, le loro abitudini in fatto di sicurezza superano parecchio quelle degl'etero.


Sì, guarda, ci sono pure quelli che cercano di prenderselo apposta per entrare nel circolo di quelli "estremi" o perché il loro partner ce l'ha.

Rimango in attesa di documentazione a riguardo e ti chiederei per cortesia di argomentarmi l'affermazione in grassetto

Ti consiglio Levy et al, Patogenesi dell'AIDS, Piccin.
Per quanto attiene strettamente la domanda, ti dirò, anche l'informazione scientifica oggi deve essere politically correct, il che porta a delle discrepanze tra quello che leggi sui libri e sulle riviste e la realtà che osservi.
Ora chiunque si sia occupato di HIV, anche per poco tempo (io solo da studente) in tempi recenti (diciamo negli ultimi dieci anni) sa bene che dei nuovi casi, realtivamente al comportamento sessuale:
-gli uomini sono in larga maggioranza omosessuali o bisessuali; una minoranza è costituita da eterosessuali con partner fissa sieropositiva e da persone con vita sessuale estremamente promiscua. Un'altra minoranza (nemmeno troppo) è costituita dagli eterosessuali extracomunitari provenienti da aree ad alta prevalenza di infezione.
- le donne sono in buona parte eterosessuali contagiate dal partner fisso. Una discreta minoranza è costituita da persone con vita sessuale estremamente promiscua.  Un'altra minoranza (nemmeno troppo) è costituita dalle eterosessuali extracomunitarie provenienti da aree ad alta prevalenza di infezione.
- I bambini sono praticamente tutti casi di trasmissione verticale, oggi di madri che hanno rifiutato la terapia antiretrovirale in gravidanza, il cesareo e l'allattamento artificiale.
Speciale attenzione, a questo riguardo, dovrebbero prestare gli adolescenti e i 20something attuali (cioè la maggior parte dei frequentatori del forum. La prima generazione di bambini HIV è fatta da persone che oggi hanno 15-25 anni e ovviamente si tratta di persone infettive. Se credete che abbiano comportamenti sessuali diversi dai coetanei, sbagliate. Se credete che utilizzino protezioni in misura maggiore dei coetanei, sbagliate.

Questo dovrebbe far alzare la guardia alle donne e NON dovrebbe farla abbassare ai maschi. Lo sfigato che si becca l'HIV con il rapporto occasionale con la sieropositiva ESISTE, io ne ho visti.


Mai darsi per vinti! Mai arrendersi!
comandante Peter Quincy Taggart
Galaxy Quest, 1999

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
9 Anni 11 Mesi fa #205226 da Freedom

Sì, guarda, ci sono pure quelli che cercano di prenderselo apposta per entrare nel circolo di quelli "estremi" o perché il loro partner ce l'ha.

?

chiunque si sia occupato di HIV, anche per poco tempo (io solo da studente) in tempi recenti (diciamo negli ultimi dieci anni) sa bene che dei nuovi casi, realtivamente al comportamento sessuale:

A me hanno insegnato che il rapporto tra  abitudini sessuali/percentuale infetti si e' ribaltata rispetto alla comparsa della malattia...Cioe' da malattia dilagante ma ristretta nella popolazione gay, e' diventata diffusa molto piu' tra eterosessuali...senza contare che la trasmissione verticale (magari non qui ma in paesi sottosviluppati) e' diventato un problema enorme.
Per questo credo non sia serio quel che e' successo, inoltre non basterebbe al massimo aumentare i controlli in chi si dichiara gay?...anche perche uno sapendo questa cosa...magari per cocciutaggine o cosa, non dichiara la sua omosessualita' e va a donare lo stesso

"Ho sempre tentato. Ho sempre fallito. Non discutere. Fallisci ancora. Fallisci meglio."

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
9 Anni 11 Mesi fa #205227 da DocMcCoy

Questo dovrebbe far alzare la guardia alle donne e NON dovrebbe farla abbassare ai maschi. Lo sfigato che si becca l'HIV con il rapporto occasionale con la sieropositiva ESISTE, io ne ho visti.


questo ci può far dormire sonni abbastanza tranquilli!!! -zzzz- -zzzz-

La medicina è la sola professione che lotta incessantemente per distruggere la ragione della propria esistenza

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Moderatori: Cyanidegaudio
Tempo creazione pagina: 0.446 secondi