Farmaci e psicoterapia

8 Anni 2 Mesi fa #226447 da ari

  • FM esperto
  • FM esperto

  • Messaggi: 438
  • Ringraziamenti ricevuti: 2

  • Sesso: Sconosciuto
  • Data di nascita: Sconosciuto
  • Risposta da ari al topic Farmaci e psicoterapia
    grazie, pablito, per l'attenzione al mio post e per la promessa di vivacizzare il topic di specialità... :D...spero si aggiungano altri ad animare questa discussione...magari, appassionati della disciplina, ma anche non, per potersi, comunque, confrontare...non mettevo in dubbio che avessi citato da un manuale autorevole, solo volevo dire che un testo come anche un lavoro scientifico, del resto, ha i suoi limiti ed occorra sempre valutare più correnti di pensiero, senza mai fossilizzarsi e sempre tenendo presente che un paziente è una persona e non una patologia, a cui affibbiare un'etichetta (diagnosi) e assegnargli la corrispondente terapia in maniera meccanica; in psichiatria come in qualunque altra branca medica...che gli studi di metanalisi abbiano molti limiti son d'accordo anch'io, ma, magari, riescono a scovare qualche magagna, sfuggita ai ricercatori :sarcastic:...per quanto riguarda gli studi in doppio cieco, tu sai bene che i criteri sono molto rigidi...è vero che servono per dare omogeneità al campione esaminato e a poter ripetere l'esperimento nelle stesse condizioni (più o meno), ma così facendo escludi tanti soggetti, mal classificabili in patologie psichiatriche codificate dal DSM, che comunque, sono dei tentativi, sempre opinabili, di incasellare in rigidi parametri ciò che continuamente sfugge...che poi, questi "scarti" degli esperimenti sono la realtà clinica quotidiana... infatti, sempre più spesso si parla di studi naturalistici (cioè che valutano i risultati di una terapia, selezionando poco o nulla un campione) soprattutto se parli di psicoterapia, in cui il doppio cieco è impossibile...in farmacologia il doppio cieco può andar bene, ma già in psicofarmacologia l'effetto placebo ha una rilevanza più forte che in altri settori, perchè l'aspetto psicologico ha un peso rilevante e non puoi ignorarlo, pena la falsificazione dei risultati...che poi, a me affascina tanto questo effetto placebo... :)...è alla base di una psicoterapia...è esso stesso psicoterapia...
    ...non per niente si distinguono efficacia ed efficienza (efficacy vs effectiveness), la prima utilizzata negli RCT, la seconda negli studi naturalistici, per lo più...cioè efficacia sperimentale vs efficacia clinica...cito?  :tomato:...ma si... :yahoo:  "The Role of Efficacy vs. Effectiveness Research in Evaluating Psychotherapy" Falk Leichsenring, Sven Rabung _Mental Health and Learning Disabilities Research and Practice Volume 4 Number 2 October 2007- SPECIAL ISSUE – PSYCHOLOGICAL THERAPIES Contents... _scussa_ :sorry:
    ... :)

    Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

    8 Anni 2 Mesi fa #226743 da odontodavid

  • FM matricola
  • FM matricola

  • Messaggi: 63
  • Ringraziamenti ricevuti:

  • Sesso: Sconosciuto
  • Data di nascita: 09 Nov 1990
  • Risposta da odontodavid al topic Farmaci e psicoterapia
    Vorrei condividere con voi la mia esperienza personale.
    A 17 anni cominciai a soffrire del disturbo da attacchi di panico, la mia vita era diventata un inferno, dovunque mi trovassi improvvisamente cominciavo ad avvampare, ad avere sudori freddi, sentivo una nausea pazzesca seguita da rigetto, capogiri e depersonalizazzione. Sinchè  un amica di mia madre non ci diede il numero di una psicoterapista. Cominciai a sentirmi bene nel confidarmi con un analista e mi sentivo più sicuro, però continuavo a soffrire del disturbo, che anzi si era cronicizzato ad ogni volta che uscivo di casa. Così chiesi alla mia terapista se poteva esserci un modo per alleviare questi sintomi e questo dolore ( perchè soffrivo tantissimo) così mi "prescrisse" delle gocce di camomilla. Cosa successe?? Bè quando sentivo che stava per arrivare l' attacco ingurgitavo quello schifo e matematicamente lo vomitavo =(  Continuo la terapia, e mi dice sempre le stesse cose, ci andavo 4 - 5 volte al mese ed è stato un salasso dal punto di vista economico. MI faceva l' interpretazione dei sogni O.O ora che ci ripenso mi viene quasi da ridere..... dato che nell' esame di psicologia in Odonto abbiamo affrontato Freud e questa teoria è assurdamente superata. Poi sempre questa psicologa comincia a dirmi che ci sarebbero voluti molti anni e io continuavo a stare male... così prendo coraggio e chiedo ai miei di portarmi da uno psichiatra!
    I miei mi dicono " abbiamo paura, dallo psichiatra ci vanno i casi molto gravi, ti dà dei farmaci che ti rendono un ameba ecc" insomma le solite dicerie che , poverini, i miei  avevano sentito sin da piccoli. Insomma vado da questo medico che se volete vi consiglierò. e comincio una terapia farmacologica, ci vado una volta al mese e ovviamente ci parlavo anche! tra l' altro questo medico è psichiatra omeopata e psicologo, ma anche acerrimo nemico della psicologia XD Insomma dopo due settimane comincio ad avere più energie, a vivere la mia vita, dopo 6 mesi l' incubo era finito, finalmente potevo tornare a vivere! Una vita bellissima mi aspettava e non potrei essere più felice! è stato 3 anni fa e da allora stò benissimo.... se fosse stato per la psicologa adesso sarei ancora nel suo studio a rimpinguare la sua cassaforte!!
    Non dico che la psicologia non serva proprio a nulla, ma comunque  se un qualcosa è un problema fisiologico, biologico,o genetico, hai voglia di dire tutte le belle parole del mondo... ma rischi la vita come è successo a me.....

    Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

    Moderatori: Cyanidegaudio
    Tempo creazione pagina: 0.269 secondi