Medici di base...Etici?

8 Anni 1 Mese fa #231858 da Psycholaly

  • FM inesperto
  • FM inesperto

  • Messaggi: 100
  • Ringraziamenti ricevuti:

  • Sesso: Donna
  • Data di nascita: 30 Mar 1984
  • Medici di base...Etici? è stato creato da Psycholaly
    Salve a tutti...
    Vorrei porre un quesito.
    Ho da sempre la spiacevole sensazione che il mio medico di base non sia molto competente, anzi, diciamo che mi sono espressa con un eufemismo.
    Non sa mai cosa rispondere e se io stessa propongo una diagnosi, l'accetta come fosse una rivelazione...
    ma io non sono un medico, lui sì.
    Ricorre spessissimo all'enciclopedia medica, in mia presenza, per patologie piuttosto comuni, tipo la mononucleosi, per intenderci.
    I suoi sostituti nelle vacanze estive, medici di altri paesi della zona, non sono migliori, purtroppo... uno di loro mi ha detto che la patologia di cui soffrivo non esisteva...invece vi assicuro che esiste e che è stata curata da un otorino dopo essere stata scoperta da una ragazza, che avrà avuto 25 anni, di turno in guardia medica!
    Quello che vorrei capire è questo, sostanzialmente...
    Sono stata sfortunata io, incappando in questi casi poco eclatanti o è un fenomeno diffuso quello della scarsa preparazione dei medici di base?
    Premetto che non è mia intenzione offendere nessuno o fare polemica...
    è davvero un problema che sento molto, come paziente e come matricola a medicina.
    Grazie!  :P

    "A nascere son buoni tutti!Ma poi bisogna divenire!Crescere,svilupparsi,ingrossare(senza gonfiare),accettare i mutamenti(ma non le mutazioni),maturare(senza avvizzire),evolvere,progredire(senza rimbambire),durare (senza vegetare),invecchiare e morire senza protestare.Un Programma Enorme.." D.Pennac

    Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

    8 Anni 1 Mese fa #231868 da F

  • Utente bloccato
  • Utente bloccato

  • Messaggi: 347
  • Ringraziamenti ricevuti:

  • Sesso: Donna
  • Data di nascita: Sconosciuto
  • Risposta da F al topic Medici di base...Etici?
    Diciamo che fare bene il medico di base non è semplice.
    Ti arriva un paziente "vergine" che magari non hai mai visto (tipo io dal mio mi faccio prescrivere gli esami del sangue, non l' ho mai e dico mai visto in faccia, anche perchè son tipo 10 anni che la cosa più grave che mi viene è il mal di gola quando vado in vespa senza sciarpa),e devi capire cosa ha, senza fare esami precisi.
    Il medico di base tende un po' a pararsi il cul*, perchè non ha i mezzi che ha un ospedaliero: ecografie, tac, risonanze, ecg and so on: in ps ne arrivano un sacco mandati dai medici di base che non si fidano di far diagnosi, anche perchè se in un pronto soccorso si sospetta una patologia cardiaca lo mandi dal cardiologo, o dal gastroenterologo, o dall' urologo.... e un paziente che arriva da un urologo al 99% ha una patologia urologica.
    Sicuramente ce ne sono tanti che sono incompetenti, ma tanti altri lo fanno in buona fede.
    Aprire i libri invece trovo che sia un buon segno, significa che ha una coscienza e che sa di non essere Dio, che non è avventato, che magari va a spulciare tra i sintomi e i segni meno comuni, perchè capirai andando avanti che è impossibile sapere l' anatomia come è scritta sul gray o come l' hai imparata per l' esame. Dopo un po' si perde, la freschezza, il sapere, e fidati che ricordarsi cose tipo l' entità esatta della proteinuria in una XXX patologia renale è difficile.
    Ora non voglio giustificare, so che ci sono medici col cul* pesante che siccome prendono i soldi sia che facciano diagnosi sia che non le facciano, evitano  il più possibile di rischiare, ma c'è anche gente che si è beccata una denuncia ed è stata portata in tribunale perchè una sua paziente sosteneva di avere un linfoma a causa di un antibiotico che gli aveva prescritto per una  cistite(ovviamente la tizia ha perso la causa, ma questo si è fatto un bello sbattimento, per non parlare di tutto il paese che gli dava dell' incompetente).

    Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

    8 Anni 1 Mese fa #231872 da andrè_boh

  • FM inesperto
  • FM inesperto

  • Messaggi: 214
  • Ringraziamenti ricevuti:

  • Sesso: Sconosciuto
  • Data di nascita: Sconosciuto
  • Risposta da andrè_boh al topic Medici di base...Etici?
    il mio è un incompetente. basta dire che prima prescrive gli antibiotici, poi richiede la coltura con l'antibiogramma -______-"

    Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

    8 Anni 1 Mese fa #231873 da Noma

  • FM associato
  • FM associato

  • Messaggi: 1365
  • Karma: 1
  • Ringraziamenti ricevuti: 3

  • Sesso: Donna
  • Data di nascita: 04 Feb 1993
  • Risposta da Noma al topic Medici di base...Etici?
    Beh, io non credo (o almeno spero!) che tutti siano incompetenti! Purtroppo, come in tutti i campi, c'è chi ha voglia di lavorare e chi no. Ti dico solo che il mio medico di famiglia, per non curare una verruca che avevo preso a un piede, mi ha mandato dall'estetista dicendo che era un callo....

    People cry not because they're weak. It's because they've been strong for too long.

    The greatest pleasure in life is doing what people say you cannot do.

    Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

    8 Anni 1 Mese fa #231878 da

  • Visitatori
  • Visitatori


  • Sesso: Sconosciuto
  • Data di nascita: 15 Nov 2019
  • Risposta da al topic Medici di base...Etici?

    il mio è un incompetente. basta dire che prima prescrive gli antibiotici, poi richiede la coltura con l'antibiogramma -______-"

    Non conosco esattamente il caso specifico a cui ti riferisci (ovviamente), per cui non posso esprimere giudizi "netti". In generale, però, può accadere che sia necessario intraprendere una terapia antibiotica prima di avere a disposizione i risultati dell'antibiogramma, per cui si inizia con una terapia antibiotica empirica che poi -eventualmente- viene rivista in base alla risposta clinica e ai risultati dell'antibiogramma stesso.

    Ripeto, non conosco il caso (o i casi) specifico/i, era solo per precisare.

    Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

    8 Anni 1 Mese fa #231882 da F

  • Utente bloccato
  • Utente bloccato

  • Messaggi: 347
  • Ringraziamenti ricevuti:

  • Sesso: Donna
  • Data di nascita: Sconosciuto
  • Risposta da F al topic Medici di base...Etici?

    il mio è un incompetente. basta dire che prima prescrive gli antibiotici, poi richiede la coltura con l'antibiogramma -______-"

    Non conosco esattamente il caso specifico a cui ti riferisci (ovviamente), per cui non posso esprimere giudizi "netti". In generale, però, può accadere che sia necessario intraprendere una terapia antibiotica prima di avere a disposizione i risultati dell'antibiogramma, per cui si inizia con una terapia antibiotica empirica che poi -eventualmente- viene rivista in base alla risposta clinica e ai risultati dell'antibiogramma stesso.

    Ripeto, non conosco il caso (o i casi) specifico/i, era solo per precisare.

    Più che d' accordo.
    Se ti arriva un paziente che pre la prima volta ha avuto una cistite non gli fai l' antibiogramma, gli dai il monuril e se ritorna lo fai, ma farlo subito per cose che al 99,9% sono causate da escherichia o chi per esso ha poco senso, imho.

    Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

    8 Anni 1 Mese fa #231883 da Psycholaly

  • FM inesperto
  • FM inesperto

  • Messaggi: 100
  • Ringraziamenti ricevuti:

  • Sesso: Donna
  • Data di nascita: 30 Mar 1984
  • Risposta da Psycholaly al topic Medici di base...Etici?
    Il nostro vecchio medico (ora ha tipo 90 anni ma la gente ancora lo cerca a casa, piuttosto che andare dal nuovo) ti dava una diagnosi!
    Mi pare che ora l'andazzo sia "Vai dallo specialista"...senza nemmeno provare a capire di cosa si tratti!
    Sarà che è cambiato il sistema...
    sarà che a forza di scrivere ricette e impegnative hanno perso in preparazione e spirito...
    Boh!  _nonio_

    "A nascere son buoni tutti!Ma poi bisogna divenire!Crescere,svilupparsi,ingrossare(senza gonfiare),accettare i mutamenti(ma non le mutazioni),maturare(senza avvizzire),evolvere,progredire(senza rimbambire),durare (senza vegetare),invecchiare e morire senza protestare.Un Programma Enorme.." D.Pennac

    Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

    8 Anni 1 Mese fa #231884 da F

  • Utente bloccato
  • Utente bloccato

  • Messaggi: 347
  • Ringraziamenti ricevuti:

  • Sesso: Donna
  • Data di nascita: Sconosciuto
  • Risposta da F al topic Medici di base...Etici?

    Il nostro vecchio medico (ora ha tipo 90 anni ma la gente ancora lo cerca a casa, piuttosto che andare dal nuovo) ti dava una diagnosi!
    Mi pare che ora l'andazzo sia "Vai dallo specialista"...senza nemmeno provare a capire di cosa si tratti!
    Sarà che è cambiato il sistema...
    sarà che a forza di scrivere ricette e impegnative hanno perso in preparazione e spirito...
    Boh!  _nonio_

    No è che arrivano pazienti che leggono su wikipedia 4 sintomi e si fanno una diagnosi, e se il medico lo contraddice sostiene che wikipedia non può sbagliare.
    Cioè cosa dici a una che è CONVINTA di avere una colica renale, e che se anche le prendi a mazzate la schiena non fa una piega?le dici che non ha sicuramente una colica renale, lei si fissa, ti nasconde altri sintomi che possono portarti su altre strade, poi sta male per altri motivi e ci vai di mezzo.
    Prima ci si fidava un po' di più del medico, adesso gli si fa causa a prescindere, è anche normale che venga a mancare, non dico il coraggio, ma la sicurezza con cui si lavorava prima (che per certi versi era eccessiva).
    Allora cosa fai?la mandi in ps, dove intaserà, verrà bucherellata come un puntaspilli, messa alle strette e visitata da uno specilista che ne verrà a capo.

    Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

    8 Anni 1 Mese fa #231886 da

  • Visitatori
  • Visitatori


  • Sesso: Sconosciuto
  • Data di nascita: 15 Nov 2019
  • Risposta da al topic Medici di base...Etici?

    Il nostro vecchio medico (ora ha tipo 90 anni ma la gente ancora lo cerca a casa, piuttosto che andare dal nuovo) ti dava una diagnosi!
    Mi pare che ora l'andazzo sia "Vai dallo specialista"...senza nemmeno provare a capire di cosa si tratti!
    Sarà che è cambiato il sistema...
    sarà che a forza di scrivere ricette e impegnative hanno perso in preparazione e spirito...
    Boh!  _nonio_

    Sarà che con tutti i pazienti pronti ad "aggredire" legalmente chi commette un errore, è ormai diventata una tendenza diffusa quella di pararsi le terga (non sto dicendo che è giusto, nè sono sicuro di avere ragione, aggiungo solo una ipotesi a quelle da te prospettate).

    Poi io non generalizzerei, il mio MMG è abbastanza giovane ed è molto serio e preparato. Il problema, dal mio punto di vista, è che in studio lo trovi due ore al giorno (poi non so bene come funziona con le reperibilità), che per come la penso io sono poche (e non credo che sia l'unico che fa questo genere di orari).

    Se ti arriva un paziente che pre la prima volta ha avuto una cistite non gli fai l' antibiogramma, gli dai il monuril e se ritorna lo fai, ma farlo subito per cose che al 99,9% sono causate da escherichia o chi per esso ha poco senso, imho.

    Sì, questo è un caso (parlo da studentello, quindi ovviamente la mia parola non è Vangelo -nè lo sarebbe se fossi già professionista, cmq). Cioè, penso che in questo caso la sequenza sia:
    > Diagnosi clinica --> Terapia antibiotica empirica --> Valutazione risposta: se negativa --> Cambio terapia (eventualmente basarsi su Urinocoltura e Antibiogramma).
    Tra l'altro credo che in caso di Cistite, di norma, la risposta alla terapia non si valuti solo clinicamente, ma si faccia un'Urinocoltura a distanza per valutare l'eventuale presenza di focolai residui.

    Io mi riferivo anche ad una polmonite da trattare ambulatorialmente, ad esempio --> L'ideale sarebbe avere Coltura dell'escreato + Antibiogramma, però in genere il paziente va trattato subito, non c'è il tempo di eseguire questi esami, quindi si va di Terapia antibiotica empirica basandosi su vari dati (età del paziente, ad esempio) e poi si valuta la risposta. Se risposta negativa --> Sicuramente si approfondiscono le indagini, poi si valuta eventualmente l'ospedalizzazione, ecc.

    Insomma, quello che volevo dire, giusto per la precisione, è che la sequenza Diagnosi microbiologica --> Terapia mirata non è sempre fattibile nè attuata. Questo penso che sia la norma nell'Emergenza/Urgenza, dove -ad esempio- un quadro di Sepsi severa necessità di immediata copertura anitibiotica (in genere -ovviamente- ad ampio spettro), con terapia che sarà adeguata in seguito -eventualmente- in base ai risultati delle colture.

    Come concetto relativo al Topic, invece, volevo esprimere --> Ragazzi, siamo ancora studenti, possiamo naturalmente iniziare a capire ciò che "ruota" intorno all'ambito medico, ma non siamo medici. A volte ci sembra che un medico stia facendo delle defecate mostruose e magari non capiamo la ratio del suo agire. Poi è ovvio che purtroppo di Medici ignoranti e superficiali ce ne sono, ma secondo me l'atteggiamento giusto che possiamo/dobbiamo avere è quello di rapprocciarci con estrema umiltà al "Magico mondo degli individui in camice bianco", con la consapevolezza che abbiamo ancora tanti panini da mangiare, e ovviamente con la curiosità che ci spinga ad approfondire ed individuare -eventualmente- quello che non va.

    Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

    8 Anni 1 Mese fa #231896 da DrHP

  • FM professore
  • FM professore

  • Messaggi: 2624
  • Karma: -19
  • Ringraziamenti ricevuti: 77

  • Sesso: Sconosciuto
  • Data di nascita: Sconosciuto
  • Risposta da DrHP al topic Medici di base...Etici?

    > Diagnosi clinica --> Terapia antibiotica empirica --> Valutazione risposta: se negativa --> Cambio terapia (eventualmente basarsi su Urinocoltura e Antibiogramma).
    Tra l'altro credo che in caso di Cistite, di norma, la risposta alla terapia non si valuti solo clinicamente, ma si faccia un'Urinocoltura a distanza per valutare l'eventuale presenza di focolai residui.

    La sequenza corretta dovrebbe essere sospetto clinico -> raccolta urine -> inizio terapia antibiotica empirica ragionata -> invio urine a laboratorio -> rivalutazione su base clinica e dei risultati dell'esame.
    Ciò detto fare l'urinocoltura a terapia antibiotica già iniziata non è senza senso: se il batterio è resistente cresce lo stesso (magari un po' meno, ma cresce).
    Poi dipende anche da quanto a cuore hai il paziente. A me è capitato: bambina intensamente febbrile, stick urine con stigmate di infezione delle vie urinarie, sintomatologia intensa. Il tutto di venerdì alle 18. Cazzo fai, lasci una treenne con 39 di febbre e la sensazione di pisciare fuoco per tutto un weekend? Non è proprio il mio stile. Quindi terapia antibiotica empirica ragionata e signora, lunedì urinocoltura.  Il mercoledì la mamma mi telefona e mi fa sì dottore guardi la bambina da sabato pomeriggio non ha avuto più bruciore e da sabato notte si è sfebbrata, però l'urincoltura è negativa, è sicuro che la terapia fosse corretta? Ha voglia se son sicuro, signora.
    Ma tu credi che fosse convinta?

    Atteggiamenti di profonda arroganza come questo:

    il mio è un incompetente. basta dire che prima prescrive gli antibiotici, poi richiede la coltura con l'antibiogramma -______-"

    sono esattamente quelli che poi spingono i medici a "pararsi il culo" come prima cosa e a mettere in secondo piano il comfort del paziente. Anche perché se arriva un paziente di questo tipo un pochetto se le va a cercare e ti viene da dirgli figliolo, vuoi tutto da manuale? Facciamo tutto da manuale, accomodati e piscia fuoco per 3-4 giorni intanto che arrivano i risultati dell'urinocoltura, tanto ho fior di evidenza che l'inizio della terapia prima dell'identificazione del patogeno non protegge da un eventuale danno renale, quindi se mi fai causa la perdi.

    Per quanto riguarda la terapia delle polmoniti, il trattamento di quelle non complicate acquisite in comunità è sempre empirico ragionato, l'identificazione diretta del patogeno non si fa praticamente mai (anche perché non sono pochi quelli che non crescono).

    Mai darsi per vinti! Mai arrendersi!
    comandante Peter Quincy Taggart
    Galaxy Quest, 1999

    Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

    Moderatori: Cyanidegaudio
    Tempo creazione pagina: 0.408 secondi