Dubbio rovente

Di più
10 Anni 9 Mesi fa #197343 da vitale
Risposta da vitale al topic Re:Dubbio rovente

Ringrazio tutti per le risposte e capisco anche chi si sia un po' stufato di ripetere le stesse cose  :sarcastic:... La mia domanda verteva su eventuali discriminazioni da parte dei professori per persone meno giovani ma brave come i candidati più giovani: come ho letto nelle discussioni, è più probabile trovare un candidato in corso con media più alta di uno fuori corso, almeno da me era così, quindi mi chiedevo se qualcuno di voi o per sentito dire o per esperienza personale avesse incontrato professori che discriminavano a priori i candidati meno giovani. So che non conta l'età per l'ingresso in specializzazione di fatto ma che, d'altro canto, il placet del prof. sia il lasciapassare più potente ...
Ringrazio ancora chi mi vorrà rispondere e leggendo il mio primo post forse non ero stata molto chiara su quale fosse la questione.. Spero di essere stata più chiara stavolta...


io l'anno scorso avevo in classe una donna di 40 anni laureata in biologia e un ragazzo di trenta appena diplomato.
A mio avviso erano avvantaggiati dai professori, perchè nei colloqui orali avevano un atteggiamento diverso cn loro, li trattavano più cm adulti, rispetto a noi più giovani che eravamo visti cm bambini.
Li mettevano più a loro agio diciamo.
Beh cmq è un piccolo esempio,da noi funzionava così!

"Un pompelmo è un limone che ha avuto un'opportunità e ne ha approfittato." (O.Wilde)

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
10 Anni 9 Mesi fa #197371 da DrHP
Risposta da DrHP al topic Re:Dubbio rovente

A mio avviso erano avvantaggiati dai professori, perchè nei colloqui orali avevano un atteggiamento diverso cn loro, li trattavano più cm adulti, rispetto a noi più giovani che eravamo visti cm bambini.

Nella mia esperienza una buona metà ti dà una mano, l'altra ti vuole segare le gambe.
Pochissimi, comunque, riconoscono l'approccio allo studio e alla conoscenza dell'adulto, che è diversa da quella del ragazzo di vent'anni. Questo i primi anni. Dal quinto in avanti le cose vanno meglio.

Mai darsi per vinti! Mai arrendersi!
comandante Peter Quincy Taggart
Galaxy Quest, 1999

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
10 Anni 9 Mesi fa #197384 da Elianaxx
Risposta da Elianaxx al topic Re:Dubbio rovente

Quindi se dal quinto in poi va meglio ciò suppone che non ci sia troppa discriminazione da parte del professore per l'ingresso in specializzazione, no?  :)...Almeno lo spero, cavolo!!

Io ora ne ho 24 quindi non sarei proprio fuori dal giro diciamo  :) anche se effettivamente capisco che una mente di 40 anni sia meno elastica di una di 20 per apprendere nuove cose....
Nella facoltà in cui sto io, essendo una facoltà molto logica, mi è capitato, anche se molto raramente, di sentire i professori che chiaramente sostenevano che col passare del tempo il cerveello di bloccava un po' ma penso che per una facoltà mnemonica come medicina, quindi parecchio distante dalla mia, sia un po' meglio la cosa anche se le ore di studio siano maggiori!!!
In ogni caso è sempre vero che dipende dalla persona con cui capiti.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
10 Anni 9 Mesi fa #197399 da F
Risposta da F al topic Re:Dubbio rovente
Ma va la, 24 anni non sono mica un problema!!!Se la voglia c' è si fa tranquillamente, non saranno 5 anni in più a fermarti.Però sfatiamo il mito della mnemonicità, si può studiare sempre e solo a memoria come dei cretini e prendere 30 salvo poi non saper mettere insieme e collegare dei sintomi per fare una diagnosi, oppure studiare con la testa, capendo quello che si studia, magari prendendo un 26-28 e poi diventare dei veri professionisti.La logica serve anche qui eh :-)

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
10 Anni 9 Mesi fa #197404 da Reglisse
Risposta da Reglisse al topic Re:Dubbio rovente

Ma va la, 24 anni non sono mica un problema!!!Se la voglia c' è si fa tranquillamente, non saranno 5 anni in più a fermarti.Però sfatiamo il mito della mnemonicità, si può studiare sempre e solo a memoria come dei cretini e prendere 30 salvo poi non saper mettere insieme e collegare dei sintomi per fare una diagnosi, oppure studiare con la testa, capendo quello che si studia, magari prendendo un 26-28 e poi diventare dei veri professionisti.La logica serve anche qui eh :-)


Ma cosa c'è da capire nella clinica? Voglio dire, a parte certi meccanismi contorti, io non ci trovo nulla  da capire. La malattia si manifesta così. Elenco della spesa dei sintomi. Punto.
Se riesci a fare dei collegamenti tra sintomi è perchè hai una buona memoria e te li ricordi; i sintomi non richiedono grandi sforzi di comprensione.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
10 Anni 9 Mesi fa #197411 da DrHP
Risposta da DrHP al topic Re:Dubbio rovente

Ma cosa c'è da capire nella clinica? Voglio dire, a parte certi meccanismi contorti, io non ci trovo nulla  da capire. La malattia si manifesta così.

C'è da capire perché si manifesta così.

Se riesci a fare dei collegamenti tra sintomi è perchè hai una buona memoria e te li ricordi; i sintomi non richiedono grandi sforzi di comprensione.

Dalle mie parte si dice "ne hai ancora di michette da mangiare, eh"
(Anch'io, eh. Oltretutto io non sono mai sazio).

mi è capitato, anche se molto raramente, di sentire i professori che chiaramente sostenevano che col passare del tempo il cerveello di bloccava un po'

Il cervello non si blocca, anzi: più vai avanti e più ti liberi dai preconcetti e dai condizionamenti, e meglio funziona.
Quello che ti blocca è il lavoro, o per meglio dire la parte routinaria e ripetitiva del lavoro, che oggi probabilmente rappresenta il 70% del tempo del medico.

Mai darsi per vinti! Mai arrendersi!
comandante Peter Quincy Taggart
Galaxy Quest, 1999

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
10 Anni 9 Mesi fa #197415 da Reglisse
Risposta da Reglisse al topic Re:Dubbio rovente
Di michette ne devo mangiare a chili. Anche perchè sto preparando la seconda clinica della mia vita.
Ammetto il mio limite: mi sono scontrata con esami in cui faccio prevalere la memoria, in cui magari ripeto l'intero programma sei volte e ho sempre qualche gap.
Onestamente, non saprei fare diversamente.  :dash:

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
10 Anni 9 Mesi fa #197416 da F
Risposta da F al topic Re:Dubbio rovente

Ma cosa c'è da capire nella clinica? Voglio dire, a parte certi meccanismi contorti, io non ci trovo nulla  da capire. La malattia si manifesta così.

C'è da capire perché si manifesta così.

Se riesci a fare dei collegamenti tra sintomi è perchè hai una buona memoria e te li ricordi; i sintomi non richiedono grandi sforzi di comprensione.

Dalle mie parte si dice "ne hai ancora di michette da mangiare, eh"
(Anch'io, eh. Oltretutto io non sono mai sazio).

mi è capitato, anche se molto raramente, di sentire i professori che chiaramente sostenevano che col passare del tempo il cerveello di bloccava un po'

Il cervello non si blocca, anzi: più vai avanti e più ti liberi dai preconcetti e dai condizionamenti, e meglio funziona.
Quello che ti blocca è il lavoro, o per meglio dire la parte routinaria e ripetitiva del lavoro, che oggi probabilmente rappresenta il 70% del tempo del medico.

quoto e aggiungo : se studi materie come la biochimica e la fisiologia, a memoria te le ricordi forse per il mese successivo all esame, se le hai capite, te le ricordi a vita, e soprattutto le sai applicare.Io sono abituata a chiedermi il perchè delle cose, lo si può fare anche nelle materie più "aride", come per l anatomia, oppure studiarle a memoria, sapere perfettamente tutti i rami dell arteria oftalmica e non essersi mai chiesto perchè una determitata struttura è fatta proprio così.ed è gravissimo che un medico o fututro tale, non si faccia domande, non si chieda perchè ?.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
10 Anni 8 Mesi fa #198411 da sole86
Risposta da sole86 al topic Re:Dubbio rovente
ciao elianaxx , la tua storia ha un pò i contorni della mia ;) a differenza tua mi sn già laureata (ad ottobre) e non contenta mi sn iscritta ad un'altra facoltà...ma il rikiamo x medicina è troppo forte!!! soprattutto in questi giorni mi sento totalmente insoddisfatta di cio ke stò facendo, e la voglia di riprovare e passare medicina è fortissima!!! i problemi ke ti stai ponendo tu me li sn posti ank'io...ho quasi 24 anni e se dio vuole dovessi entrare qst anno inizierei la specialistica a 30-31 anni, cioè qnd la maggior parte degli studenti finisce la specialità!! ma sai ke tico?? non m'interessa!!! questo è il mio sogno, e nn è mai troppo tardi x provarci!! certo, magari sarà un pò + difficile, ma non impossibile!!! tu di dove 6? dove vorresti provare il test? kissà, magari siamo della stessa zona e sai, tra "anziane" ci si capisce meglio! :sarcastic:

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Moderatori: vitaleDocSam
Tempo creazione pagina: 0.625 secondi