E se perdi fiducia in quello che hai sempre creduto?

  • Autore della discussione
  • Visitatori
  • Visitatori
9 Anni 6 Mesi fa #218094 da
è difficile pensare che una persona che ti definisce in vari modi (vai a vedere nei post) possa ammirarti... Comunque chiedi a lui. ma fa più male che qualcuno possa permettersi di dire che la storia che scrivo non è vera (albe89) piuttosto che essere considerata cretinetta figlia di X...etc

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
9 Anni 6 Mesi fa #218095 da C.J.S.
Non sei l'unica a parlare... e quelli che lo fanno di più sn i giornalisti, che sfoderano la parola malasanità per ogni errore anche scusabile e sempre più spesso anche quando l'errore non c'è... E questi argomenti fanno sempre più presa in una società ormai priva di senso morale e che, cosa ancora più importante, ha perso ogni percezione della morte ed ogni senso della mortalità dell'individuo.
Purtroppo la morte è parte integrante della vita. Morire è una cosa assolutamente normale. Anche se nessuno ha sbagliato. Anche se si hanno solo 20 anni. A volte, purtroppo, anche se si hanno solo 20 giorni di vita.

Silvia, non mi riferisco al caso della tua amica (non ho in mano nessun elemento per giudicare ne la minima intenzioni di farlo), ma faccio solo un ragionamento generale. Ho scritto queste cose da collega a collega, perchè spero che le mie parole servano almeno a farvi riflettere, anche se poi non sarete assolutamente d'accordo.

Per lucadoc,
il chirurgo primo operatore è sempre considerato responsabile di quello che accade in sala, anche quando è palese la colpevolezza di un membro dell'equipe (vedi l'anestesista). Allo stesso modo è responsabile il primario del reparto, in quanto è lui che si sceglie i collaboratori ed è quindi responsabile dei loro errori (tranne alcune mirabili eccezioni).

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

  • Autore della discussione
  • Visitatori
  • Visitatori
9 Anni 6 Mesi fa #218097 da
Infatti,  C.J.S. io non ho niente contro il tuo ragionamento. Stavo criticando chi è così immaturo da considerare falso ciò che dico ma non mi permetterei mai di giudicare il parere medico di una persona con molta più esperienza di me. Perchè io non sono un medico e perchè rispetto le parole di tutti,

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
9 Anni 6 Mesi fa #218098 da DrHP

La questione sembra semplice in teoria, ma in pratica lo è molto meno. Perchè oltre a contare le garze vanno contati anche i telini, i ferri, ecc... In un campo operatorio di chirurgia di alta complessità ci sono in genere 40-50 garze, una ventina di tamponi, una decina di telini, ed una cinquantina/centinaio di ferri (dipende molto dal tipo di chirurgia, ovvio) di foggia e dimensioni diverse. Inutile dire che niente di tutto ciò deve rimanere nel paziente. Inoltre alcuni "pezzi" possono venire messi in posizione e recuperati diverse ore dopo (classico esempio i telini per mantenere umide le anse intestinali) e magari anche da strumentisti diversi. In tutto in una cavità corporea per definizione stretta, buia e sanguinolenta... Insomma, dimenticare qualcosa non è così difficile come i profani credono...

Però in realtà il problema sarebbe abbastanza facilmente risolvibile.
A ogni singolo telino, garza, ferro sia applicato un RFID. Ogni pezzo sia registrato in un database "intervento X". A intervento terminato si passi il lettore sul campo operatorio e si verifichi che nessun RFID dia segno di sè nella cavità buia, stretta e sanguinolenta.
Tutto quanto estratto sia nuovamente passato allo scanner RFID insieme a quanto non usato. I database "prima" e "dopo" combaciano? Si chiuda il paziente. I database non combaciano? Non è difficile usare l'RFID anche come localizzatore.

Mai darsi per vinti! Mai arrendersi!
comandante Peter Quincy Taggart
Galaxy Quest, 1999

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
9 Anni 6 Mesi fa #218099 da albe89


P.S.: non sono un oncologo, ma se non sbaglio uno dei tumori più frequenti in età giovanile è l'osteosarcoma e le sue metastasi più frequenti sono appunto polmonari... Ricordate che nella medicina vera le sindromi di Li-Fraumeni e simili sono più rare di una mosca bianca al polo nord...


L'osteosarcoma in quanto tumore dell'età giovanile è pressochè sempre legato a mutazioni di p53, o in alternativa di pRB. La Li-Fraumeni sarà rara, ma anche l'osteosarcoma non scherza: 750 nuovi casi l'anno in USA.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
9 Anni 6 Mesi fa #218100 da C.J.S.
Cose del genere sono state pensate...
Due problemi:
1- i costi
2- la sterilizzazione/l'uso su presidi usa e getta...

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
9 Anni 6 Mesi fa #218101 da glicero
Mmm ha proprio ragione Lui... "Dio creò l'uomo, poi creo un essere perfetto, il medico, ma gli angeli si ingelosirono e allora Dio creò la creatura più orripilante e spregevole che avesse mai solcato la terra, tale COLLEGA" =))))
Giudicate questo medico in base alle affermazione di pinco pallino che magari ha riportato un giudizio negativo della madre su questo collega =))))
Strano che non abbiano fatto il servizio su qualche telegiornale: muore ragazza per BANALE intervento di metastasectomia polmonare multipla!

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
9 Anni 6 Mesi fa #218102 da lucadoc

Però in realtà il problema sarebbe abbastanza facilmente risolvibile.
A ogni singolo telino, garza, ferro sia applicato un RFID. Ogni pezzo sia registrato in un database "intervento X". A intervento terminato si passi il lettore sul campo operatorio e si verifichi che nessun RFID dia segno di sè nella cavità buia, stretta e sanguinolenta.
Tutto quanto estratto sia nuovamente passato allo scanner RFID insieme a quanto non usato. I database "prima" e "dopo" combaciano? Si chiuda il paziente. I database non combaciano? Non è difficile usare l'RFID anche come localizzatore.

RFID sarebbe la tecnologia a radio frequenze? si l'idea è stupenda ma in italia mi sa che è fantascienza...

Mortui Vivos Docent

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
9 Anni 6 Mesi fa #218103 da DrHP
Che fossero state pensate lo immaginavo, penso che siano stati tentati anche i codici a barre ben prima degli RFID.

1- i costi


Eh questo purtroppo è il problema vero. Si tira a risparmiare su cose molto più importanti di queste, a quanto ho visto.

2- la sterilizzazione/l'uso su presidi usa e getta...

Sì, questo è un non-problema. So per certo di RFID che resistono a oltre 300°C e comunque si può ipotizzare il riutilizzo degli RFID sul materiale usa e getta.

Mai darsi per vinti! Mai arrendersi!
comandante Peter Quincy Taggart
Galaxy Quest, 1999

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
9 Anni 6 Mesi fa #218104 da Eleanor
C.J.S., quoto ogni tua parola della risposta che hai dato, non potrei essere più d'accordo con te.

Silvia mi dispiace tantissimo per la tua enorme perdita, ma credo che se deciderai alla fine di fare il medico, la risposta alla tua domanda "come fate ad andare dalla famiglia di un paziente a dire che avete fatto tutto il possibile" ce l'avrai già: tu avrai fatto tutto il possibile, per evitare ad un'altra amica seduta in sala d'attesa la stessa sensazione che hai tu in questo momento, quella che coloro che avevano in cura una persona che ami non si siano impegnate al massimo per lei.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Moderatori: vitaleDocSam
Tempo creazione pagina: 0.649 secondi