Anche voi vi siete sentiti così al primo anno?

Di più
2 Anni 7 Mesi fa #315606 da Franny98
Ciao a tutti.
Sono iscritta al primo anno di medicina. Hi superato il test al primo colpo, ed ero felice. Quando però sono iniziate le lezioni ho capito che non sono come me le aspettavo. Biochimica non mi piace e mi sembra solo un insieme di nomi e cicli inutili. Biologia è già meglio ma non mi interessa così tanto andare nello specifico... Forse non sono adatta a questa facoltà. Al liceo predilige o materie come la matematica ma il desiderio di diventare medico mi ha spinto a scegliere questa facoltà. Ora sto mettendo molto in discussione la mia scelta. Non riesco ad appassionarmi a quello che faccio... Secondo voi può essere un po' di sconforto legato all impatto con l università o è segno che debba cambiare università? Avete esperienze simili?

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
2 Anni 6 Mesi fa #315620 da Marco_rm7
Ciao Franny98,ti parlo da laureato in medicina ormai da qualche mese..e vorrei darti un paio di spunti su cui riflettere..Innanzittuto voglio svelarti un segreto; a più o meno nessuno piace studiare biochimica! è indubbiamente una materia affascinante,alla base della medicina(e questo lo capirai bene col tempo),ma da studiare rimane un accozzagli di orribili formule,cicli etc da mandare giù a memoria..ti svelo un altro segreto:a nessuno piace neanche studiare chimica,biologia,anatomia(immane elenco di muscoli,articolazioni vasi nervi etc da imparare per mesi e mesi a macchinetta)..e già che ci sono voglio svelarti un ultimo segreto, a nessuno piace nel momento in cui ci si trova neanche studiare le materie degli anni successivi;le troverai anch'esse sterili,mnemoniche,impernozionistiche,la versione teorica di concetti pratici ma che comunque rimangono "fatti di carta",da mandare giù con pazienza e memoria esattamente come hai fatto con biochimica e le altre materie...ma infatti l'unica cosa su cui ti dovresti focalizzare è:voglio fare il medico?ovvero un mestiere impegnativo,fatto di responsabilità,impegno e formazione continua,contato col paziente(con tutti i suoi pro e contro),stipendi medio/altini ma di certo non stratosferici e immediati,grandissime soddisfazioni ma anche grandi delusioni/sconforto...se la risposta è SI,allora come tutti noi sopporterai gli esami uno per uno per arrivare al tuo obiettivo. l'università è solo un faticosissimo mezzo per arrivare all'obiettivo,NON è l'obiettivo in sè... uscire da questa facoltà per tutti noi laureati ti assicuro che rappresenta una delle più grandi liberazioni della vita,non un" oh che peccato,non potrò più fare quegli esami che mi piacevano tanto tanto"...se la risposta è no,allora forse non ne vale la pena..al contempo un altra domanda che dovresti farti è: gli sbocchi che mi darà matematica a livello professionale mi affascinano?vorrei fare quel determinato mestiere per la vita?
spero di averti dato qualche spunto su cui riflettere :)
un abbraccio

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Moderatori: vitaleDocSam
Tempo creazione pagina: 0.289 secondi