Tecnico di Radiologia Medica

Di più
2 Anni 6 Mesi fa #315621 da Ted3000
Salve,
avrei bisogno di qualche parere ed informazione da parte di persone sicuramente più competenti di me nel campo.
Dal momento che ho riscontrato in rete filosofie di pensiero diametralmente opposte, sarei grato se qualcuno potesse aiutarmi ad avere un quadro più obiettivo e completo a riguardo.
Premetto che con medicina non ho nulla a che fare, che sono laureato in ingegneria elettronica e che lavoro nel ramo delle telecomunicazioni. Tuttavia la passione manca perchè il mio sogno è sempre stato quello di lavorare nell'ambito medico e con qualche competenza medica.
Tralasciando i motivi per i quali ho dovuto e voluto intraprendere un percorso differente, a distanza di anni mi sono sempre più reso conto di aver fatto la scelta errata o quantomeno quella non maggiormente affine ai miei obiettivi umani e professionali.
Sto valutando la possibilità di provare ad iscrivermi in futuro al corso di Tecnico di Radiologia Medica.
Dando uno sguardo veloce al piano di studi ed alle capacità da acquisire ho notato che la formazione è altamente tecnica e scientifica, cosa che non andrebbe in disaccordo con il mio percorso di studi pregresso e con le mie competenze lavorative attuali.
In poche parole, perdonatemi l'antifona, non butterei letteralmente nel cesso quanto fatto finora.
Addirittura sembra esistere l'eventualità di poter recuperare qualche credito dagli esami da me già sostenuti.
Vorrei avere qualche parere obiettivo riguardo questa professione sanitaria.
Ho letto di persone che ne parlano bene in quanto appassionante e gratificante e di altre che invece la sconsigliano altamente perchè frustrante e di difficile riscontro occupazionale.
È chiaro che un operatorio sanitario non è un medico, ma al di là di quelli che possano essere i gusti personali, come stanno davvero le cose?
Sinceramente le possibilità professionali mi sembrano tante e varie, magari mi sbaglio. Anche i campi di applicazione mi sembrano, almeno per me, interessanti e potenzialmente innovativi.
Non ne faccio tanto una questione di retribuzione in quanto, come ho già detto, lavoro e fortunatamente il mio salario è più che soddisfacente.
Ma ahimè prima o poi si fanno sempre i conti con ciò che poteva o doveva essere e non è stato. Questo è un rimorso che piano piano logora dentro.
Conciliare il mio attuale lavoro con tale percorso di studi o con un'eventuale relativa occupazione futura sarebbe praticamente impossibile.
In poche parole non vorrei fare una cazzata e perdere del tempo inutilmente, o almeno non prima di avere un quadro più completo ed obiettivo. Alla fine sono comunque almeno 3 anni di studio e di vita da investire e da togliere necessariamente alla mia condizione attuale.
Ripeto che non ne faccio più di tanto una questione economica in quanto mi abbasserei volentieri lo stipendio per fare una cosa che davvero mi piace ma non sarei di sicuro così folle da preferire una condizione nulla o minimale ad una soddisfacente, anche se non gratificante.
Spero di aver reso l'idea.
Ogni informazione e parere sono ben accetti.
Grazie e saluti

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
2 Anni 6 Mesi fa #315625 da Marco_rm7
Ciao ted3000..sono marco,non sono un tecnico di radiologia,mi sono da poco laureato in medicina. In genere sono una persona che invoglia sempre a inseguire i propri sogni,le proprie inclinazioni..ma leggendo il tuo messaggio una cosa che mi viene da pensare dall'inizio alla fine è: ma chi te lo fa fare?
Della figura del tecnico di radiologia non ne sono il massimo esperto. Ho frequentato un anno e mezza in radiologia durante il corso di laurea,quindi ciò che so del suo lavoro è solo tramite osservazione + qualche chiacchiera con i tecnici del reparto e conoscenti che ha intrapreso questo cdl. A livello di studio è sicuramente molto più leggero dell'ingegneria elettronica che hai portato a compimento,ma con moltissime ore di tirocinio da sbrigare girando in varie strutture..tendenzialmente i tre anni mi sembra di capire siano comunque abbastanza totalizzanti (mattina tirocinio/pomeriggio lezioni o studio). Per le assunzioni siamo in linea con la maggior parte delle professioni sanitarie attuali:concorsi nel pubblico stra-bloccati,si lavoricchia un pochino nel privato. Credo che se sei una persona flessibile,disposto alla mobilità,magari anche andando fuori italia,potrai ricevere le tue soddisfazioni. Non vorrei però che tu avessi un pò idealizzato troppo la figura lavorativa ecco. Non me ne vogliano le validissime persone che svolgono questa professione,ma il tecnico di laboratorio(al di là dei vari paroloni descritti nei manuali delle facoltà) semplicemente fa funzionare i macchinari radiologici,si occupa spesso e volentieri lui della parte burocratica (accettazione di pazienti,inserimento di dati etc), preme determinati tasti per permettere il funzionamento delle macchine,invia tramite pc le varie sequenze per la risonanza,la TC etc..ma credo rimanga tutto sommato un lavoro molto meccanico,con contatto col paziente spesso ridotto e molto distante sia(credo) dal tuo attuale lavoro,sia da quello del medico. Non so,a me personalmente credo che a lungo andare un leggero senso di frustrazione lo porterebbe (opinione personale chiaramente). Sta a te decidere se davvero sia quello che vuoi,non può dirtelo nessuno..Io ti posso solo dire che personalmente con una professione ben avviata e remunerativa come quella che possiedi non me la sentirei affatto,ma magari cercherei di appagare la voglia di contatto umano/ambiente sanitario mediante volontariato/croce rossa etc. In bocca al lupo per il futuro! :)

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
2 Anni 6 Mesi fa #315630 da Ted3000
Risposta da Ted3000 al topic Tecnico di Radiologia Medica
Ciao Marco, grazie per la risposta.
Sei stato chiarissimo e non posso che concordare con te dalla prima all'ultima parola.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Moderatori: vitaleDocSam
Tempo creazione pagina: 0.295 secondi