Futuro da medico in ospedale? Bohhhhh

Di più
7 Anni 8 Mesi fa #278227 da Mar.
Salve a tutti :) sono una ragazza che, in uscita da un liceo scientifico, cerca di far luce tra i suoi dilemmi esistenziali.. Da quando avevo 13 anni è nata in me una forte passione per la medicina (allora ingenua), e il mio sogno all'ora sarebbe stato diventare pediatra (ma anche adesso..); mi hanno sempre affascinato le malattie, mi documento, sono curiosa; mi sento veramente ferrata in materia, sento che è un'ambiente in cui mi ci trovo e so muovermi con dimestichezza (non sto dicendo di saperne in materia, sono una cosiddetta dilettante). Adoro il camice, la divisa, gli ospedali mi mettono euforia (ringrazio di non aver mai avuto tragiche esperienze li). Sembrerebbe tutto rose e fiori, ma i dubbi ahimè escono come funghi. Il test, il lungo percorso di studi e l'improbabilità (ora come ora) di trovare e di vincere un concorso in una struttura pubblica ospedaliera; mi fanno abbattere.. e l'ultima cosa è quella che infierisce di più nella scelta. Così ho cercato alternative a questa mia passione, e mi sono imbattuta nella figura del tecnico di laboratorio biomedico. Rispettabile figura ospedaliera anch'essa, prevede sempre un test d'ammissione (poco male) e tre anni di studio assicurati. Riflettendoci, adoro anche il lavoro da laboratorio (genetica, patologia etc..), quindi perchè no! Grazie ad alcune informazioni fornitemi mi sono schiarita le idee sui laboratori ospedalieri, e anche qui, come medicina, il lavoro è senza dubbio interessante. Ritornando al mio fatidico dubbio del lavoro in ospedale, sinceramente, cosa mi consigliate? Da medico è impossibile accedere in una struttura pubblica? Io comunque il medico nello studiolo non lo voglio fare.. Parlo con mia madre e, avendo il fratello medico laureato in endocrinologia (premetto che lei è contraria alla laurea in medicina, lo trova uno spreco di tempo per poi andare a svolgere una mansione che si potrebbe svolgere anche con un percorso di laurea più corta (e se avesse ragione?!)), mi dice che vincere un concorso per un ospedale è come vincere un terno al lotto (in effetti il fratello lavora in una ditta farmaceutica..). Da tecnico di laboratorio sarebbe più facile? E se facessi la laurea in medicina magistrale qui in Italia e la specialistica l'andassi a fare all'estero, e provassi il concorso per lavorare in ospedale li? La situazione sarebbe diversa? Non so, consigliatemi, datemi le vostre opinioni, io da sola non riesco a cavarne un ragno dal buco, anche perchè non saprei a chi chiedere.. Spero di essere stata chiara nell'esporre i miei dubbi, comprendete la mia enorme confusione e l'accavallarsi di idee e pensieri su questo tema. Grazie per le risposte :-*

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 8 Mesi fa #278237 da lucaam86

lo trova uno spreco di tempo per poi andare a svolgere una mansione che si potrebbe svolgere anche con un percorso di laurea più corta (e se avesse ragione?!))


Non mi risulta. Nessuna laurea più corta di almeno 6 anni ti permette di fare il medico. Neanche se la cerchi con il lanternino! Per fare il medico ci vogliono almeno 10 anni di studi. Le lauree triennali sanitarie sono altra cosa...decisamente!

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 8 Mesi fa #278259 da Mattia.Busana
Un conto è fare il medico un conto è il tecnico di laboratorio biomedico...e la differenza che intercorre tra i due è quasi abissale.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 8 Mesi fa #278261 da Mar.
In effetti guardate l'esempio di suo fratello, laureato in medicina, 10 anni e più di studio (con voti alti) si ritrova a fare un lavoro che avrebbe potuto fare anche facendo farmacia, scienze del farmaco e molte altre.. anche lui stesso ha ammesso questo. il mondo lavorativo ha molte problematiche, non è purtroppo il magico mondo che ci aspettiamo noi, e arrivati a 50 anni con una laurea "inutile" beh, hai sprecato un bel pò di tempo a studiare.

Grazie, lo so che medicina e tecniche di laboratorio sono due corsi di studi diversi, già lo avevo detto io.. la mia domanda era un'altra, ed era del tutto differente.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 8 Mesi fa #278264 da laDawkins
Se posso darti un consiglio ti direi di non basarti troppo sulle esperienze a te troppo vicine: per un 50enne che ha "sprecato" anni di studio e si ritrova con un lavoro per lui poco appagante, ce n'è un altro che invece è soddisfatto ed è un medico in carriera e non si pente degli anni universitari! Purtroppo non si può sapere come andrà per nessuno, ci sono diversi fattori che influenzano come i sacrifici e il tempo investito si traducano in risultati, qualsiasi avvenimento o fattore personale può cambiare le cose e non sempre conta quanto tempo hai studiato. Per cui il mio consiglio è: scegli di studiare quello da cui ti senti attratta e se ciò è medicina fallo! Penso sia molto più probabile ritrovarsi tra vent'anni a pentirsi di non aver fatto medicina che ritrovarsi a pentirsi di qualche anno in più di studio! E in ogni caso la seconda opzione secondo me è molto meno pesante e fonte di rimpianti e pippe mentali della prima! Io agirei così, del resto l'ho fatto, ma non mi ero posta alternative.
In bocca al lupo!

Faremo un salto dentro al buio, non avremo pace, perchè nel centro dell'ignoto c'è una luce.. Se un cuore nasce marinaio, non potrai averlo, perchè non basta un altro cuore per tenerlo!

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 8 Mesi fa #278265 da lucaam86

Da tecnico di laboratorio sarebbe più facile?

Allora cerco di aiutarti a capire perchè misa che hai un po di confusione.
Il tecnico di laboratorio è una laurea triennale delle professioni sanitarie, non ha niente a che vedere con medicina. Presa la laurea in tecnico di laboratorio sei un tecnico di laboratorio e non un medico, non fai diagnosi, non prescrivi terapie. Semplicemente ti occupi (in parole molto molto povere e riduttive) dei macchinari e delle tecniche del laboratorio. Stop. Niente a che vedere con il medico, tanto che i TLB spesso non lavorano neanche con i medici ma con biologi specializzati.

E se facessi la laurea in medicina magistrale qui in Italia e la specialistica l'andassi a fare all'estero, e provassi il concorso per lavorare in ospedale li? La situazione sarebbe diversa?


Fai confusione tra lauree magistrali, specialistiche e specializzazioni.
La laurea in medicina è una laurea di 6 anni a ciclo unico e non prevede una "Specialistica" ma una Specializzazione e tra la specialistica e la specializzazione c'è un abisso di differenza.
La specialistica (o laurea magistrale) è il biennio che generalmente arriva dopo una laurea triennale.
La specializzazione è una scuola di 4 o 5 anni che il medico fa per specializzarsi in una determinata area della medicina.
In medicina non esistono 3+2. In medicina esiste il ciclo unico e la scuola di specializzazione (che non è la specialistica).
In base a questo fai le tue scelte. E se ti piace fare il medico si presume che ti piaccia anche il rapporto con il paziente e l'unica laurea triennale che più si avvicina (con i dovuti limiti del caso) a medicina è Scienze Infermieristiche. Le altre no, almeno per me.

Inoltre non credo proprio che una laurea in medicina con specializzazione possa essere MAI una laurea sprecata. Mi rimane veramente difficile (se non impossibile) pensare che un medico specializzato faccia la fame oppure lavori come segretario in uno studio medico. Io non ne ho mai visti ma probabilmente vivo in un altro mondo, possibile!
Invece ho visto tanti architetti, ingegneri, laureati in varie discipline umanistiche e anche in lauree sanitarie che fanno tutt'altro. Questo si.

Spero di esserti stato utile.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 8 Mesi fa #278351 da Mar.
Chiedo scusa se per me è uguale la specialistica e la specializzazione, il senso insomma era quello. Sapevo benissimo che medicina era 6+4 e che tecniche di laboratorio biomedico era una triennale, grazie.
Ovviamente tengo a precisare che sapevo anche che certamente con una laurea in medicina non avrei fatto la fame, ma comunque, se è, non farei quello che a ME piace e mi pentirei della scelta.

La mia domanda, a prescindere dalle vostre risposte, era che possibilità di lavoro in ospedale avevo con una laurea in medicina o in tecnico di laboratorio biomedico (lo so comunque che il tecnico non fa le diagnosi..) e se magari, il laureato in medicina, poteva fare la scuola di specializzazione (o quel che è) all'estero e se poteva provare il concorso in un ospedale lì (e se lì la situazione era diversa, nel senso se c'erano più posti o meno gente boh, qui è stracolmo!!)

Già, so che ogni medico (persona) ha un'esperienza differente, ma io, prossima alla scelta, mi baso sulle testimonianze a me più vicine.. ripeto, non saprei a chi chiedere e da chi avere informazioni più dettagliate..

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 8 Mesi fa - 7 Anni 8 Mesi fa #278364 da lucaam86
Sai tutto quindi ti sei risposta praticamente da sola :)
Posso dirti quello che fa il TLB in ospedale per i medici non sono preparato e ci sono utenti di questo forum molto molto esperti in questo ambito (io non studio medicina).

Le possibilità di lavoro in ospedale con una laurea in TLB attualmente sono piuttosto basse, specie nel pubblico, nel senso che ogni anno i concorsi che escono non sono tanti (4 o 5 ????). Ovviamente c'è molta disoccupazione a meno che tu abbia qualche "santo in paradiso" e riesci ad entrare in qualche struttura privata. Per il pubblico la situazione attualemente è abbastanza disastrosa.
I Tecnici di Laboratorio inoltre per ora non hanno ancora un ordine professionale e quindi sono scarsamente tutelati rispetto, ad esempio, agli infermieri o ai tecnici di radiologia che sembrano essere molto più tutelati e sostenuti.
E' un bel lavoro se ti piace il laboratorio e se non sei portata per stare a contatto con i pazienti nel senso fisico della parola e se non ti interessa diagnosticare o renderti partecipe di decisioni cliniche (cosa che un tlb non può fare).
Ultima Modifica 7 Anni 8 Mesi fa da .

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 8 Mesi fa #278377 da Mattia.Busana

si ritrova a fare un lavoro che avrebbe potuto fare anche facendo farmacia, scienze del farmaco e molte altre


Grazie al cielo, per fare il medico si deve essere laureati in medicina e non in altro...di certo un' altra qualifica non ti permette di fare quello che fa il medico, nè da punto di vista legislativo nè dal punto di vista delle competenze...poi se certi farmacisti, chimici e infermieri si credono medici allo stesso modo di quelli "veri" ma più furbi perchè hanno studiato meno beh...non mi stupisco di tante cose che ho sentito uscire dalle loro bocche.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 8 Mesi fa #278403 da DrHP

per fare il medico si deve essere laureati in medicina e non in altro...

Ma il fratello della fanciulla lavora per una casa farmaceutica, potrebbe effettivamente farlo anche con farmacia, chimica, o anche ingegneria gestionale o economia e commercio. E chissà, magari farebbe pure più carriera.
Certamente, tuttavia, non è fare il medico.

Io comunque il medico nello studiolo non lo voglio fare..

Per decidere questo consiglio di passare qualche anno nel meraviglioso SSN, vedi poi se non ti viene la voglia di startene nel tuo studiolo.
Peraltro, anche entrando nel SSN, le tue ore di studiolo te le dovresti fare: l'unica differenza è che non potresti arredarti lo studiolo come ti pare, né scegliere le attrezzature, né decidere gli orari, né l'ubicazione dello studiolo stesso.


Mai darsi per vinti! Mai arrendersi!
comandante Peter Quincy Taggart
Galaxy Quest, 1999

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Moderatori: vitaleDocSam
Tempo creazione pagina: 0.698 secondi