abortisti o antiabortisti?

Di più
13 Anni 3 Mesi fa #164102 da Mana
Risposta da Mana al topic Re:abortisti o antiabortisti?
@xanax:

fino a sei mesi è praticabile l\'aborto qualora sia a rischio la salute della madre. tanto fisica quanto psicologica.

Al sesto mese non si parla più di aborto, ma di parto pretermine e non è fatto mai per capriccio, ma solo per GRAVI motivi di salute.Oltre il 90% degli aborti avviene nel primo trimestre, dopo la ventesima settimana saranno appena l\'1%, di cui praticamente tutti feti malati o per pericolo di vita della madre.Quindi senza offesa, frasi come:

un bambino agonizzante di sei mesi ho tutto il diritto di non vederlo, e non devo essere obbligata a praticare l\'ivg solo perchè la ragazzina viziata ci ha pensato troppo tardi

dimostrano o un percezione errata della realtà, o mala fede...

comunque in realtà io penso il contrario...a livello pubblico chi non obietta ormai ha una marcia in più..stanno diventando così rari che saranno presto una specie in estinzione

Non è che se pensi che gli asini volano, questi mettono le ali!Grazie al sistema \"meritocratico\" ( ironia MODE on ) italiano, per fare carriera bisogna essere rigorosamente obiettori, poichè non è certo mistero che certe lobby esercitano un certo controllo sulle cariche pubbliche.Senza contare che sbolognando gli aborti agli sfigati colleghi che non sono obiettori, si lavora meno, si fanno operazioni più interessanti varie e prestigiose, si rimane più simpatici ai moralisti che razzolano nell\'ambiente... e perdipiù, visto che nn guasta mai, si guadagna uguale!Inoltre tanti \"obiettori\" pubblici, poi fanno i lori bravi aborti pagati fior di quattrini nelle loro belle cliniche private... cosa non si fa per il Dio Quattrino?Essere obiettore semplicemente conviene. Gli unici a non farlo sono quelli che hanno un\'etica professionale e civile che vada oltre l\'egoismo e la brama di soldi; cioè praticamente nessuno.Nota finale: in caso di urgenza anche un obiettore è OBBLIGATO a fare l\'aborto.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
13 Anni 3 Mesi fa #164105 da gaudio
Risposta da gaudio al topic Re:abortisti o antiabortisti?

Inoltre tanti \"obiettori\" pubblici, poi fanno i lori bravi aborti pagati fior di quattrini nelle loro belle cliniche private... cosa non si fa per il Dio Quattrino?

a proposito voglio fare una domanda che è solo una mia curiosità:allora prendiamo un ginecologo del gemelle: è obiettore perchè l\'ospedale glielo \"impone\" (a prescindere che lo ritenga giusto o meno.poniamo il caso che il ginecologo in realtà voglia fare gli aborti, potrebbe farli nel privato, dal momento che è il Gemelli che dichiara i suoi ginecologi obiettori e non lui stesso a dichiararlo (anche perchè penso che nessuno vada a abortire al Gemelli)?cioè insomma, se è la struttura privata che impone regole, poi nel suo studio o in altre cliniche può fare come gli pare?ma quindi come funziona l\'obiezione? non si decide volta per volta?p.s. in senso legale ovviamente, non a paraculismo...

Tutto copre,
tutto crede,
tutto spera,
tutto sopporta.
L'amore non avrà mai fine". (Paolo di Tarso)

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
13 Anni 3 Mesi fa #164177 da Mana
Risposta da Mana al topic Re:abortisti o antiabortisti?
Non so se quelli del Gemelli poi vadano a controllare se il ginecologo che hanno assunto, in altre strutture, procura aborti; ma non penso lo facciano, a loro basta che la loro struttura sia \"pulita\".E\' sostanzialmente una questione di facciata.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
13 Anni 3 Mesi fa #164332 da gaudio
Risposta da gaudio al topic Re:abortisti o antiabortisti?
ruvic ha espresso, nel pieno possesso delle sue facoltà mentali, la seguente opinione:

Mana ha espresso, nel pieno possesso delle sue facoltà mentali, la seguente opinione:

@xanax:

fino a sei mesi è praticabile l\'aborto qualora sia a rischio la salute della madre. tanto fisica quanto psicologica.

gaudio ha espresso, nel pieno possesso delle sue facoltà mentali, la seguente opinione:

a proposito voglio fare una domanda che è solo una mia curiosità:allora prendiamo un ginecologo del gemelli: è obiettore perchè l\'ospedale glielo \"impone\" (a prescindere che lo ritenga giusto o meno.poniamo il caso che il ginecologo in realtà voglia fare gli aborti, potrebbe farli nel privato, dal momento che è il Gemelli che dichiara i suoi ginecologi obiettori e non lui stesso a dichiararlo (anche perchè penso che nessuno vada a abortire al Gemelli)?cioè insomma, se è la struttura privata che impone regole, poi nel suo studio o in altre cliniche può fare come gli pare?ma quindi come funziona l\'obiezione? non si decide volta per volta?p.s. in senso legale ovviamente, non a paraculismo...

Il Gemelli è una struttura in cui non si pratica l\'IVG quindi un ginecologo che ci lavora non ha motivo di dichiarare la sua eventuale obiezione di coscienza, perchè non c\'è nulla a cui può obiettare. Non avendo dichiarato nulla quando non lavora al Gemelli può benissimo fare delle IVG in una casa di cura privata autorizzata dalla Regione, ma secondo me è meglio che la direzione sanitaria Gemelli non lo venga a sapere.Quando invece un ginecologo viene assunto in una struttura ospedaliera in cui si pratica l\'IVG se non vuole prendere parte agli interventi per l\'interruzione della gravidanza può sollevare obiezione di coscienza comunicandolo con una dichiarazione scritta al direttore sanitario. L\'obiezione di coscienza consente al medico di rifiutare le prestazioni dirette a determinare l\'interruzione della gravidanza, ma non esclude il dovere di assistere la donna prima e dopo l\'intervento e in ogni caso il medico ha l\'obbligo di intervenire quando c\'è pericolo di vita per la donna. Il medico può essere obiettore o non esserlo non ci sono vie di mezzo ossia non può decidere in quali casi interrompere la gravidanza e in quali essere obiettore, anche perché se un obiettore prende parte ad un IVG anche una sola volta l\'obiezione gli viene revocata con effetto immediato. Può però sempre revocare l\'obiezione o se non obiettore diventarlo ma prima che questa diventi effettiva deve passare un mese da quando ha presentato la richiesta.

molto interessante, grazie!


Tutto copre,
tutto crede,
tutto spera,
tutto sopporta.
L'amore non avrà mai fine". (Paolo di Tarso)

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
13 Anni 3 Mesi fa #164405 da xanax
Risposta da xanax al topic Re:abortisti o antiabortisti?
mi permetto di dire a ruvic,che mi è capitato di vedere con i miei occhi la situazione da me descritta, una ragazza in preda a crisi isteriche su una barella che stava entrando in clinica ginecologica, trasferita direttamente da psichiatria. inoltre:Articolo 6L\'interruzione volontaria della gravidanza, dopo i primi novanta giorni, può essere praticata: a) quando la gravidanza o il parto comportino un grave pericolo per la vita della donna; b) quando siano accertati processi patologici, tra cui quelli relativi a rilevanti anomalie o malformazioni del nascituro, che determinino un grave pericolo per la salute fisica o psichica della donna. Articolo 7 I processi patologici che configurino i casi previsti dall\'articolo precedente vengono accertati da un medico del servizio ostetrico-ginecologico dell\'ente ospedaliero in cui deve praticarsi l\'intervento, che ne certifica l\'esistenza. Il medico può avvalersi della collaborazione di specialisti.se leggi le parti da me evidenziate in neretto, scopri che è inesatto ciò che hai detto tu.quindi, se lo psichiatra presenta al ginecologo la perizia che tu definisci carta straccia, il ginecologo mica potrà dire che lo psichiatra ha scritto ca**ate e considerare invalido il suo parere. al massimo potrà chiedere una seconda consulenza psichiatrica. ma gli psichiatri prendono molto sul serio le conseguenze della depressione post partum. che è una patologia tanto frequente quanto seria, e chi ne viene colpita in forma acuta è davvero terribile. mai sentito di madri che infilano neonati in lavatrici o li lanciano dal balcone? ruvic spero tu abbia letto la legge prima di dire che io ho scritto cose inesatte..per mana: io ho espresso solo un mio parere,basato su una pura teoria, molto semplice..se mancano medici non obiettori, e un ospedale ne ha bisogno, li assume. che il giorno dopo essere stati assunti diventino obiettori, è un altro discorso (ed è successo qui a roma). e un discorso teorico lo hai fatto anche tu, dato che non è supportato da nessun dato certo.sempre a livello teorico, potrebbe essere inesatto il mio quanto il tuo.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
13 Anni 3 Mesi fa #164416 da Mana
Risposta da Mana al topic Re:abortisti o antiabortisti?
Rimangono casi più che eccezionali.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
12 Anni 4 Mesi fa #191534 da music
Risposta da music al topic Re:abortisti o antiabortisti?
io sono favorevole alla legge sull'aborto e alla libertà di scelta...

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
11 Anni 6 Mesi fa #203403 da Theli
Risposta da Theli al topic Re:abortisti o antiabortisti?
Aborto: il feto non sente dolore prima delle 24 settimane
Dai dati scientifici presentati in una recente revisione di una ricerca ufficiale, viene contraddetto un argomento che gli attivisti pro-life hanno sempre utilizzato per la riduzione del pretermine.

Così come riportato dal Telegraph, secondo il rapporto del Royal College of Obstetricians and Gynaecologists, che era stato commissionato dal Ministero della Salute inglese, le terminazioni nervose nel cervello non sono sufficientemente formate per consentire al dolore di farsi sentire prima di 24 settimane. Nella relazione si dice: “Si può concludere che, in ogni caso, il feto non può provare dolore prima di questa gestazione“.

Feto naturalmente sedato - Il professor Allan Templeton, Presidente del Royal College, che ha diretto la revisione del “Fetal Awareness and Termination of Pregnancy for Fetal Abnormality”, intervistato dal The Times, ha affermato che la ricerca presentata dagli attivisti anti-aborto, secondo la quale il feto umano è in grado di sentire il dolore prima delle 24 settimane basava la propria evidenza su neonati prematuri, ma non era mai stata applicata al feto nel grembo materno. Un secondo dato e cioè che il feto è naturalmente sedato e inconscio nel grembo materno, fornisce ulteriori indicazioni sul fatto che quando si abortisce non sono necessari anestetici per il feto. “Non c’è niente nel rapporto che suggerisca la necessità di rivedere il limite superiore“, ha detto il professor Templeton.

Tories Pro-Life - La revisione sembra rimuovere una delle colonne portanti della tesi degli attivisti pro-life che battagliano da anni per abbassare il limite attuale dell’aborto, anche se è probabile che contrasteranno in ogni modo le conclusioni del Royal College. Due anni fa i parlamentari hanno votato per la riduzione del limite a 20 settimane, dopo che la deputata conservatrice Nadine Dörries aveva provato a cambiare con l’introduzione di un emendamento, quella che era la “Human Fertilisation and Embriology Bill”. La mozione era stata sconfitta da una consistente maggioranza di 71 voti. Al momento, David Cameron ha affermato di appoggiare la riduzione del limite a 20 settimane .

Liberal contrari - Ieri la Dörries, un’infermiera psichiatrica e madre di tre figli, ha detto che vi è “molto più supporto” nei nuovi parlamentari per una modifica del pretermine. Tuttavia, molti dei liberali democratici sono contrari alla riduzione del limite. Un portavoce di Downing Street ha detto che il Primo Ministro vorrebbe “continuare a farsi guidare dalla scienza sulla materia“. Gli antiaboristi sottolineano, inoltre, che i tassi di sopravvivenza per i neonati molto prematuri sono migliorati considerevolmente negli ultimi dieci anni – anche se le statistiche non sono chiare – e che l’aborto rappresenta ancora la fine di una vita umana.

Link: www.giornalettismo.com/archives/69636/ab...ettimane-pretermine/

www.telegraph.co.uk/health/healthnews/78...before-24-weeks.html

www.rcog.org.uk/news/rcog-release-rcog-updates-its-guidance

"In ogni caso, veniamo dal nulla e andiamo nel nulla, e non c'è nulla di cui preoccuparsi" (Peter Wessel Zapffe)

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
11 Anni 6 Mesi fa #203420 da andrè_boh
sinceramente non ho il tempo di leggere 400 e più post...ma scorrendo sono rimasto sconcertato dalla posizione di diversi utenti abortisti, secondo i quali il ginecologo obiettore non svolgerebbe appieno le sue competenze, poi hanno parlato persino di interruzione di pubblico servizio e altri blablabla senza senso...

O.O

ragazzi...io MAI studierò ginecologia, ma in relazione a quella che è la mia concezione dell'uomo, in coerenza con le mie idee, non sarei obiettore...eppure ritengo che l'atto dell'aborto non possa essere considerato come una semplice procedura, ma un'azione che implica profonde convinzioni personali; insomma se c'è un collega che pensa che il feto sia assimilabile ad una vita matura non posso pretendere che agisca come agirei io, e rispetto la sua posizione...ricordate che esercitiamo la nostra arte in scienza e coscienza...e uno poi ci deve convivere con la propria storia.

la colpa non è dei medici obiettori, vi è una mancanza di coordinazione generale, atta a garantire la presenza di medici non obiettori in determinate sedi, in modo che tutti usufruiscano di questo servizio, è ciò che d'altra parte garantisce la 194

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
11 Anni 6 Mesi fa #203421 da Theli
Risposta da Theli al topic Re:abortisti o antiabortisti?

sinceramente non ho il tempo di leggere 400 e più post...ma scorrendo sono rimasto sconcertato dalla posizione di diversi utenti abortisti, secondo i quali il ginecologo obiettore non svolgerebbe appieno le sue competenze, poi hanno parlato persino di interruzione di pubblico servizio e altri blablabla senza senso...

O.O

ragazzi...io MAI studierò ginecologia, ma in relazione a quella che è la mia concezione dell'uomo, in coerenza con le mie idee, non sarei obiettore...eppure ritengo che l'atto dell'aborto non possa essere considerato come una semplice procedura, ma un'azione che implica profonde convinzioni personali; insomma se c'è un collega che pensa che il feto sia assimilabile ad una vita matura non posso pretendere che agisca come agirei io, e rispetto la sua posizione...ricordate che esercitiamo la nostra arte in scienza e coscienza...e uno poi ci deve convivere con la propria storia.

la colpa non è dei medici obiettori, vi è una mancanza di coordinazione generale, atta a garantire la presenza di medici non obiettori in determinate sedi, in modo che tutti usufruiscano di questo servizio, è ciò che d'altra parte garantisce la 194


Penso che nelle pagine precedenti potrai trovare molto utile il dibattito che è stato fatto. L'interruzione del servizio e altre conseguenze non sono senza senso, ci sono davvero gli ospedali che non garantiscono (o meglio, non riescono a garantire) la presenza di un medico non obiettore, specie nella fascia notturna (fino al triste caso del medico "Erode" di Genova).
Personalmente, invito chiunque a rileggere queste venti pagine di topic. Non per altro, ma sarebbe assurdo ripetere cose già dette da altri, tra l'altro in maniera impeccabile, per vedere i due lati di questa delicata questione.

"In ogni caso, veniamo dal nulla e andiamo nel nulla, e non c'è nulla di cui preoccuparsi" (Peter Wessel Zapffe)

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Moderatori: Cyanidegaudio
Tempo creazione pagina: 0.387 secondi