Chimica: domande e risposte

Di più
7 Anni 11 Mesi fa - 7 Anni 11 Mesi fa #296237 da MattiaS
Risposta da MattiaS al topic Chimica: domande e risposte

Salve a tutti!
In chimica sto affrontando la termodinamica ed un concetto che fatico a capire è l'entropia.Apparentemente semplice,ma davvero ostico.
Non riesco a capire il perchè l'entropia sia collegata con la variazione di energia di un sistema.
L'entropia indica lo stato di disordine,questo è assodato.Quindi nel momento in cui un sistema passa da una condizione ordinata ad una disordinata,subisce una dispersione di materia ed energia.
Se l'entropia indica la dispersione di energia di un sistema non sarebbe sufficiente riferirsi all'entalpia o all'energia interna(naturalmente se la reazione avvenisse a pressione o volume costante)?
Grazie mille a chiunque abbia la pazienza di rispondere :)

Ciao, provo ad aiutarti! Allora, come hai già detto, l'entropia viene utilizzata come "misura del disordine". Ogni sistema, in natura, tende ad andare verso il disordine e mai verso l'ordine, semplificando sarebbe possibile dire che "alla natura piace il disordine": pensa ad un cubetto di ghiaccio in cui le molecole d'acqua sono disposte in modo ordinato (qui l'entropia è minima, non c'è movimento) e a molecole d'acqua in forma gassosa (qui l'entropia è massima).
Purtroppo la chimica è sempre stata ostica e solo entropia o entalpia non bastano a spiegare i fenomeni chimici; quando studiano una reazione chimica affinché sia possibile formulare affermazioni sulla spontaneità della reazione sono necessari vari fattori: entropia ed entalpia.
L'entalpia, come penso tu sappia, viene utilizzata per determinare se una reazione sia esotermina (quindi liberi energia sotto forma di calore) o endotermica (quindi necessiti di energia sotto forma di calore), ma il fatto che una reazione sia esotermina o endotermica non ci permette di affermare che questa sia spontanea o meno.
Per poter formulare affermazione sulla spontaneità di una reazione, è necessaria una terza funzione di stato: l'energia libera di Gibbs (DeltaG) che è data dalla differenza tra la variazione di entalpia e di entropia, e con questa funzione di stato si prospettano tre possibili casi:
Reazione spontanea
Reazione non spontanea
Reazione spontanea a determinate temperatura

Spero di aver rispoto esaurientemente alla tua domanda
Ultima Modifica 7 Anni 11 Mesi fa da MattiaS.
Ringraziano per il messaggio: Believing

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 11 Mesi fa #296512 da Believing
Risposta da Believing al topic Chimica: domande e risposte
Grazie nuovamente MattiaS per aver risposto alla domanda.

Sto studiando la normalità e sono alquanto confusa su un punto.
Numero di equivalenti (n) ed equivalente chimico (eq) sono differenti per quale motivo?
Non capisco.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 11 Mesi fa #296518 da MattiaS
Risposta da MattiaS al topic Chimica: domande e risposte
L'equivalente, in chimica, è una quantità di materia a cui corrispondono determinate moli. Il numero di equivalenti lo utilizzi per calcolare la normalità=Neq/V. Tuttavia il n.eq dipende dal tipo di reazione che si sta considerando: redox, acidi, ossidi... normalmente la si usa per gli acidi, dove il neq è dato dal numero di ioni idrogeno che vengono liberati:
HCl è monoprotico, neq=1;
H2SO4 è biprotico (o poliprotico), neq=2;
H3CO4 è triprotico, e può dissociarsi formando l'idrogeno carbonato oppure lo ione carbonato a seconda della reazione.
Ringraziano per il messaggio: Believing

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 11 Mesi fa #296632 da Believing
Risposta da Believing al topic Chimica: domande e risposte
45. Un campione di un idrocarburo di formula empirica C5H4 (7,85g) è sciolto in benzene (301 g). Sapendo che la soluzione ha un punto di congelamento di 1,05°C sotto quello del benzene puro (Kf=5,12 °C/m) si può concludere che la formula molecolare del composto è :
A) C10H8 B) C6H12 C) C7H14 D) C15H12 E) C8H13

Risposta corretta,A.

46. Qual è la concentrazione, espressa in moli dm-3, di una soluzione ottenuta sciogliendo 16,0 g di idrossido di sodio in 200,0 cm3 d’acqua? [masse atomiche relative: Na = 23; O = 16; H = 1]

Risposta corretta:2,00 mol dm-3


Non capisco proprio come risolvere questi esercizi.Mi viene lo sconforto per quanto sia incompetente.

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 11 Mesi fa #296665 da MattiaS
Risposta da MattiaS al topic Chimica: domande e risposte
46. La reazione è di dissociazione dell'idrossido è la seguente Na(OH) -> Na+ + OH-. Calcoliamo il numero di moli di NaOH,
nmol=16,0/40=0.4 mol. Quindi se avessimo un litro di acqua, la soluzione sarebbe M=0.4/1=0.4M
Impostiamo l'equazione 0.4*1=0.2*x; x=2 quindi la molarità della soluzione di 16g in 200cm^3 (0.2dm^3) d'acqua è pari a 2M=2mol/l=2mol/dm^3
Ringraziano per il messaggio: Believing

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 11 Mesi fa #296704 da Believing
Risposta da Believing al topic Chimica: domande e risposte
Grazie infinite :cheer:

Scusate tutte le mie domande,ma preferisco chiarire ogni minimo dubbio,anche il più stupido ora,che il giorno del test. :pinch:

Trattando le soluzioni tampone,il mio libro afferma:
"L’acetato di sodio è un sale completamente dissociato in acqua secondo la reazione :
CH3COONa → CH3COO- + Na+
L’acido acetico, che è un acido debole, si dissocia secondo il seguente equilibrio :
CH3COOH + H2O ↔ CH3COO- + H3O+
Per il principio di Le Chatelier gli ioni CH3COO- provenienti dalla dissociazione dell’acetato di sodio, spostano l’equilibrio di dissociazione dell’acido acetico a sinistra."

Ciò che non capisco è il periodo "per il principio di Le Chatelier...."
Non capisco come gli ioni acetato provenienti dalla dissociazione del sale,spostino l'equilibrio dell'acido debole a sinistra.

:side:

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 11 Mesi fa - 7 Anni 11 Mesi fa #296775 da MattiaS
Risposta da MattiaS al topic Chimica: domande e risposte
Allora c'è da dire una cosa prima di tutto: tutte le reazione chimiche sono reversibili, almeno in principio.
La Keq è una costante che da un'indicazione quantitativa di come avviene la reazione e se l'equilibrio è spostato a dx o sx. C'è da dire che la Keq di una reazione è costante se la temperatura a cui avviene tale reazione è costante. Ora, il fatto che l'equilibrio sia spostato verso destra o sinistra da un'indicazione sulla formazione di prodotti o reagenti. Con Keq > 1 l'equilibrio è spostato verso dx; Keq < 1 l'equilibrio è spostato verso sx.
Prendiamo una generica reazione aA+bB -> cC+ dD
Il calcolo della Keq è pari al rapporto tra la concentrazione molare dei prodotti elevata al proprio coefficiente stechiometrico e la concentrazione molare dei reagenti elevata al proprio coefficiente stechiometrico, quindi
Keq=([ C ]c*[ D ]d)/([ A ]a*[ B ]b)
Analizza la la formula: se il numeratore è maggiore del denominatore, allora Keq>1 e ciò conferma il fatto che l'equilibrio sia spostato verso destra (ovvero la reazione tende a formare più prodotti che reagenti, infatti le concentrazioni molari sarebbero maggiori); se il numeratore è minore del denominatore, allora Keq<1 e ciò conferma il fatto che l'equilibrio sia spostato verso sinistra (ovvero la reazione tende a formare più reagenti).

Analizziamo ora questa reazione:
CH3COOH + H2O -> CH3COO- + H3O+
Come hai detto tu l'equilibrio è spostato verso sinistra, ma perchè? E' spostato verso sinistra perché un acido debole reagisce con l'acqua per dare lo ione acetato che è una base relativamente forte rispetto all'acido acetico. E' più plausibile pensare che prevalga la reazione inversa, ovvero
CH3COO- + H3O+ -> CH3COOH + H2O
cioè che la base coniugata (ione acetato) dell'acido acetico, relativamente più "forte" rispetto all'acido acetico, reagisca con lo ione ossidrile acquistando un protone.

Bada bene che ciò non significa che la reazione CH3COOH + H2O -> CH3COO- + H3O+ non avviene, bensì che all'equilibrio la concentrazione di acido acetico ed acqua sarà maggiore!
Ultima Modifica 7 Anni 11 Mesi fa da MattiaS.
Ringraziano per il messaggio: Believing

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 11 Mesi fa #296793 da Believing
Risposta da Believing al topic Chimica: domande e risposte
Come sempre MattiaS,la tua pazienza nel rispondere ai miei quesiti è infinita.

Scusami,sarò petulante,dura di comprendonio,ma quello che ancora non capisco è l'affermazione "per il principio di Le Chatelier..." che avevo introdotto precedentemente.
Mi spiego meglio.Tutto ciò che concerne la costante di equilibrio mi è chiaro.Ora io sapevo che il principio di Le Chatelier è il principio che si occupa di definire il comportamento di un sistema all'equilibrio nel momento in cui esso viene perturbato.
Quindi il mio punto interrogativo è quale sia il ruolo di questo principio nella reazione:

CH3COOH + H2O -> CH3COO- + H3O+

Ho pensato che in seguito all'aggiunta di una certa quantità di acido forte,che pertanto andrebbe a liberare ioni idrogeno,per il principio dell'equilibrio mobile,l'equilibrio di reazione si sposta da destra a sinistra della reazione.
Non so se la mia deduzione sia del tutto fuori luogo o in qualche modo giusta

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 11 Mesi fa #296869 da carlociniglio@hotmail.it
Ragazzi una domanda:quale delle seguenti soluzioni acquose 0,1 M presenterà il pH piu basso ?
A)HNO3
B)H2SO4
C)HCL
D)H2S(pKa=6,96)
E)CH3COOH(pKa=4,75)

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Di più
7 Anni 11 Mesi fa #296870 da MattiaS
Risposta da MattiaS al topic Chimica: domande e risposte
Secondo me H2SO4. Giusto?

Si prega Accedi o Crea un account a partecipare alla conversazione.

Tempo creazione pagina: 0.646 secondi